Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Il corteo di “Non una di meno” per l’8 Marzo: una marea umana per i diritti delle donne

Immagine di copertina
@Valerio Nicolosi

Le donne si stanno risvegliando e riempiono le piazze.

Sciopero generale, proteste, eventi culturali, appuntamenti politici. Il mondo celebra la Festa internazionale della donna dell’8 marzo, guardando ai passi già compiuti sulla via dell’uguaglianza di genere e alle tante battaglie in corso. Ma è stata soprattutto la giornata dello sciopero globale femminista. Le manifestazioni hanno avuto luogo in tutta Italia. A Roma il corteo è partito da Piazza Vittorio ed ha raccolto migliaia di partecipazioni.

Mentre le manifestazioni del 2018 furono segnate dalla campagna contro gli abusi sessuali #MeToo, la parola chiave del 2019 è #BalanceforBetter, un hashtag per dire: “Agisci a favore dell’uguaglianza” “con un’azione collettiva”, perché “non è una questione femminile” ma “essenziale perché le economie e le aziende prosperino”.

L’agitazione, partita dall’associazione Non una di meno, aveva l’obiettivo di sensibilizzare contro “la violenza maschile sulle donne, le discriminazioni di genere, la precarietà e la privatizzazione del Welfare e a favore del diritto ai servizi pubblici gratuiti e accessibili, al reddito universale e incondizionato, alla casa, al lavoro, alla parità salariale, all’educazione scolastica, alla libertà di movimento, per le politiche di sostegno alla maternità e paternità condivisa”.

Tra gli slogan e le richieste venute fuori durante il corteo, quella di “essere libere di muoversi e di essere contro la violenza razzista e istituzionale della legge Salvini”.  Le donne di Non una di meno chiedono a gran voce “un permesso di soggiorno europeo senza condizioni, degli spazi femministi per essere libere e sicure nella nostra città e soprattutto un’educazione alle differenze e educazione sessuale nelle scuole e nelle università”.

Bambine, ragazze e famiglie intere. Chi con il volto dipinto di viola, chi con uno striscione sull’identità di donna: una nuova generazione femminista che vuole cambiare la società ha camminato per le strade di Roma in questo 8 Marzo.

> LEGGI ANCHE: Le più grandi femministe della storia
Ti potrebbe interessare
Politica / Dopo due anni di pandemia le linee guida per la scuola sono sempre le stesse: un altro fallimento dei migliori
Politica / Renzi: "Con Calenda possiamo riportare Draghi a Palazzo Chigi"
Politica / L'infettivologo Bassetti: "Disponibile a fare il ministro della Salute"
Ti potrebbe interessare
Politica / Dopo due anni di pandemia le linee guida per la scuola sono sempre le stesse: un altro fallimento dei migliori
Politica / Renzi: "Con Calenda possiamo riportare Draghi a Palazzo Chigi"
Politica / L'infettivologo Bassetti: "Disponibile a fare il ministro della Salute"
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 10 agosto 2022
TV / Baciato dalla fortuna: tutto quello che c’è da sapere sul film
Musica / Vasco Rossi si scaglia contro i fan che lo assediano sotto casa: “Io sono disponibile ma non a disposizione”
Lotterie / Estrazione Million Day di oggi, 10 agosto 2022: i numeri vincenti di mercoledì
TV / Battiti Live 2022 Compilation streaming e diretta tv: dove vedere la puntata Best of
TV / Battiti Live 2022 Compilation: i cantanti che si esibiranno sul palco oggi, 10 agosto
TV / Battiti Live 2022 Compilation, scaletta: l’ordine d’uscita dei cantanti stasera