Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Lettera di uno studente 15enne: “L’Italia deve ripartire dai giovani, il centrodestra non lo ha capito”

Immagine di copertina

Lettera di un lettore di TPI alla redazione:

Gentile redazione, ho quindici anni e sono un appassionato lettore di TPI. Leggendo il programma del centrodestra sono rimasto davvero deluso e amareggiato nel vedere che, fatalità, tra i 15 punti del progetto politico di destra noi giovani siamo menzionati solo nell’ultimo.

Per carità, l’ordine dei punti non significa tutto, ma a livello simbolico è davvero brutto che si parli dei giovani e del loro futuro solo alla fine del programma di uno schieramento che forse governerà il nostro Paese. Bisogna invece ripartire totalmente dai giovani: buona parte del centro-sinistra (5S compreso), a differenza della destra che i giovani sembra odiarli, lo ha responsabilmente capito.

Siamo noi i cittadini del presente e del futuro, quelli che possono mettere al servizio di tutti molte competenze nuove e rivoluzionarie. È proprio per questo che andremmo messi al centro di qualsiasi progetto politico teso al futuro e al rilancio sociale, politico ed economico del nostro paese. Abbiamo affrontato un periodo difficile, dove ci siamo più che giustamente sacrificati per il bene di tutte e tutti. Ora però vogliamo che il mondo della scuola e del lavoro siano cambiati in meglio.

Pretendiamo legittimamente più equità nelle opportunità e vorremmo garanzie sociali ed economiche per il nostro futuro e quello dell’Italia, il paese che tra poco dovremo guidare noi stessi in una situazione sicuramente difficilissima. Metterci all’ultimo posto della lista, proponendo soluzioni scontate e molto generali ai nostri problemi, è davvero ingeneroso e forse anche poco intelligente a livello politico. In fin dei conti è la dimostrazione che questo paese fa tutto meno che imparare dagli errori del passato per costruire un futuro migliore per le nuove generazioni. Speriamo che chiunque andrà a governare si ricordi davvero di noi.

Flavio Maria Coticoni

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino
Cronaca / Roma, professore taglia ciocca capelli a ragazza iraniana: “Non sostieni la protesta?”
Cronaca / Napoli, professore ucciso: fermato un collaboratore scolastico
Cronaca / Morto sul lavoro operaio vicino Teramo, caduto dal tetto per dieci metri
Cronaca / Roma, ballerina travolta dagli insulti per aver messo la sua foto in un annuncio
Cronaca / Duro scontro durante una partita di calcio, 20enne in gravi condizioni: è intubato
Cronaca / Allarme batterio Listeria, wurstel contaminati ritirati dai supermercati: in Italia 6 morti sospette