Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

La legge sul divorzio compie 50 anni: la battaglia che annullò le ipocrisie sul concetto di famiglia

Immagine di copertina
Contro la legge Baslini-Fortuna, il ''Comitato per l'abrogazione della legge sul divorzio'', guidato dall' ingegnere cattolico Gabrio Lombardi, raccolse le firme per la convocazione di un referendum popolare. Credit: Ansa foto

Dopo 18 ore di dibattito, con 325 sì e 283 no alla Camera e 164 sì e 150 no al Senato, il primo dicembre del 1970 in Italia fu approvata la legge che introdusse il divorzio. La legge numero 898 è conosciuta come “Fortuna-Baslini”, dal nome dei due deputati, Loris Fortuna (socialista) e Antonio Baslini (liberale), primi firmatari delle proposte di legge che furono abbinate nel corso di un lungo iter di approvazione parlamentare, dopo anni di conflitti che proseguirono anche negli anni successivi e dopo che fuori dal parlamento la riforma era stata chiesta e sostenuta dai movimenti delle donne e dai radicali. Da allora sono passati esattamente 50 anni.

Per le donne e gli uomini italiani fu un cambiamento epocale, un salto rispetto alle consuetudini, rispetto all’etichetta e alla concezione del matrimonio e delle relazioni familiari. Venivano scardinate per sempre le regole ipocrite che sorreggevano il concetto di famiglia, di pater familias e di donna del focolaio. Quel 1° dicembre di mezzo secolo fa si aprì poi la stagione dei diritti civili che ha portato all’equiparazione tra uomo e donna nella famiglia (1975), alla legge sull’aborto (1978), all’abolizione del delitto d’onore (1981) e poi, dopo uno stop ventennale, all’eliminazione delle discriminazioni verso i figli nati fuori dal matrimonio (2012), alle unioni civili e alle convivenze (2016); una stagione he, forse, si concluderà nel 2021 ove venisse approvato il ddl Zan su omolesbotransfobia.

La legge è cambiata negli anni. In origine servivano 5 anni di separazione per il divorzio, poi tre, poi uno in caso di separazione giudiziale e sei mesi in caso di separazione consensuale con il divorzio breve.

Il 31 agosto 1968 il governo Leone si era fatto promotore di un disegno di Legge che sulla base dell’art. 75 della Costituzione, consentisse di indire referendum abrogativi totali o parziali rispetto ad una Legge dello Stato. Proposta che diventerà legge il 25 maggio del 1970. Già il 2 dicembre il quotidiano Avvenire lancia un appello per indire immediatamente quel referendum che deve spazzare via la legge appena approvata.

L’obiettivo immediato fu la raccolta delle 500.000 firme necessarie. Raccolsero quasi un milione e mezzo di firme; una quantità enorme che li convinse che la cultura cattolica fosse così radicata e diffusa da non temere gli esiti delle urne. Invece il risultato del referendum fu sorprendente. In quattro anni si materializza il primo grande scollamento tra valori religiosi e società italiana. La notte del 12 maggio 1974 la vittoria dei favorevoli al divorzio, sancita nel primo storico referendum dell’Italia repubblicana – dal 59,3% dei favorevoli contro il 40,7% dei contrari – è schiacciante. In un successivo referendum per l’abolizione della legge del 1º dicembre 1970, riproposto nel 1981, la maggioranza fu ancora più schiacciante: il 70% della popolazione era ormai favorevole al divorzio.

Leggi anche: La Cassazione: no all’assegno di mantenimento se la moglie ha una relazione stabile con un altro uomo

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa
Cronaca / Melandri si difende: “Sono un free vax, ognuno deve essere libero di scegliere il proprio destino” | VIDEO
Cronaca / Stupro di Capodanno, le intercettazioni shock: “Ce semo divertiti”, “Colpa della famiglia di lei”
Cronaca / Jacobs divorzia dall’agenzia di Fedez: scarsa promozione dell’immagine
Cronaca / Tenta la fuga dalla casa di riposo: 91enne muore dopo essersi calato con le lenzuola dalla stanza
Cronaca / Cassazione: “Rapina aggravata se con mascherina”. Ma il ladro protesta: “Era obbligatoria”