Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Incendio nel ghetto di Borgo Mezzanone a Foggia: migrante muore carbonizzato

Immagine di copertina

Una persona è morta nel rogo di una baracca nel ghetto di Borgo Mezzanone, che si trova ad una decina di chilometri da Foggia. La vittima non è stata ancora identificata. L’allarme è scattato questa mattina intorno alle 6, quando un incendio è scoppiato in un alloggio di fortuna. Quando i Vigili del fuoco sono intervenuti hanno scoperto che nella baracca vi era il corpo di una persona completamente carbonizzato. Distrutti anche tutti gli oggetti e il materiale utile alla identificazione del corpo. Sull’accaduto stanno indagando gli agenti di polizia.

Borgo Mezzanone è un ghetto, un agglomerato abusivo che è stato costruito sulla pista di un vecchio aeroporto. Nel 2019 era stato oggetto di abbattimenti. Il Cara di Borgo Mezzanone, accanto all’ex pista, era infatti nella lista delle strutture da chiudere imposte dal ministero dell’Interno – allora presieduto da Matteo Salvini – dopo l’emanazione del decreto Sicurezza.

Quello di Borgo Mezzanone è l’ultimo di una lunga serie di incendi che hanno colpito negli ultimi mesi le baraccopoli nel Sud Italia. L’ultimo ad aprile del 2019, con la morte di un ragazzo di 26 anni. Il mese prima, il 22 marzo 2019, un rogo era divampato nella nuova tendopoli di San Ferdinando, allestita dopo lo smantellamento della baraccopoli che ospitava i migranti della Piana di Gioia Tauro. Anche in quell’occasione è morto un migrante.

A commentare l’accaduto il sindacalista Aboubakar Soumahoro: “Questa mattina è morto un bracciante, ucciso dalle fiamme della miseria a Borgo Mezzanone. Il Governo, indifferente al nostro dolore, ha deciso di non affrontare i PADRONI: i giganti della filiera agricola. Abbiamo convocato un’assemblea, perché non si può morire così”, ha scritto su Twitter.

*Notizia in aggiornamento
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, sceglie una persona a caso e la spinge sui binari della metro mentre arriva il treno: arrestata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Milano, tabaccaio ruba a un cliente un Gratta e vinci da 100mila euro: indagato per truffa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, sceglie una persona a caso e la spinge sui binari della metro mentre arriva il treno: arrestata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Milano, tabaccaio ruba a un cliente un Gratta e vinci da 100mila euro: indagato per truffa
Cronaca / Investe un cinghiale, morto 17enne nel casertano: guidava l’auto senza patente
Cronaca / Pullman scoperto della Roma: le strade chiuse oggi, deviazioni, metro chiusa, bus
Cronaca / Donna uccisa a coltellate a Vittoria, fermato il killer: “Omicidio casuale”
Cronaca / “Impossibile ignorare quelle fanciulle in fiore”: polemiche sul libro del prof che ha dato della “zoccoletta” a un’alunna
Cronaca / Stromboli, domato l’incendio scoppiato sul set di una fiction con Ambra Angiolini
Cronaca / Falcone spiato, dopo l’inchiesta di TPI presentata un’interrogazione in Senato
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità