Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

In treno senza mascherina, insulti e rissa sfiorata tra due passeggeri

 

 

In treno senza mascherina, insulti e rissa sfiorata tra due passeggeri | VIDEO

“Infilati la mascherinaaaa!”, “Tu donna…”, “Sì nu’ bocchino!!! mi hai messo le mani addosso!!”, “Questa è fuori di testa!”, la lite in treno ai tempi del Covid

Se fossero degli attori meriterebbero il David di Donatello, perché è raro che si riesca a condensare in due minuti di video una summa di stereotipi così sfavillanti: la lite in treno, la guerra dei sessi, il turpiloquio, lo scambio dei ruoli, l’aggressivo passivo, e la vendicatrice furiosa, il terzo incomodo che si interpone per scongiurare il corpo a corpo. C’è in questo botta e risposta un che di esilarante, la forza tragicomica e magnetica della rissa che nel tempo del Covid diventa autobiografia di una nazione. Se fosse una gag preparata sarebbe difficile immaginare che potesse venire così bene, con quella sensazione del video rubato, e quel crescendo pirotecnico così ritmato.
Lei:
-“ Infilati la mascherinaaaa!”,
Lui (incauto):
-“Tu donna…”,
lei (ferina)
-“Donna? Sì nu’ bocchino!!! mi hai messo le mani addosso!!”.
Lui (costernato)
-“Questa è fuori di testa!”.

Insomma la piccola guerra civile del quotidiano proiettata nel dibattito sulle cosiddette “protezioni”. Ma sia che la scena sia una splendida teatrata, sia che sia un vero attimo rubato, questa partitura rivela l’introiettamento del distanziamento sociale al grado zero della nostra quotidianità: pretesto per rissa, occasione per menare le mani, sovrastruttura che diventa parte della commedia nazionale. Perché davvero, ogni volta che due virologi litigano sulle amplificazioni del Covid, con la ferocia e la flemma dissimulatrice dell’Accademia, poi dovremmo immaginare che in terza classe, comunque vada, qualcuno finirà al pronto soccorso.

Leggi anche: Coronavirus, in un supermercato di Napoli scoppia una rissa tra i clienti per colpa di una mascherina | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”
Cronaca / Covid, oggi 17.030 casi e 74 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Lo spot sul Parmigiano Reggiano fa arrabbiare il web: “Sfruttamento del lavoro”. L’azienda: “Lo cambieremo”
Cronaca / Covid: Bolzano in zona gialla da lunedì, cinque regioni a rischio entro Natale
Cronaca / “Noi studenti schiavi della lode”
Cronaca / “La biblioteca che batte l’algoritmo”: intervista a Maranesi, il rettore più giovane d’Italia