Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

Ilaria Cucchi ha querelato Salvini: “Questo signore smetta di fare spettacolo sulla nostra pelle”

Di Laura Melissari
Pubblicato il 22 Nov. 2019 alle 14:42 Aggiornato il 22 Nov. 2019 alle 14:57
7.8k
Immagine di copertina

Ilaria Cucchi ha querelato Matteo Salvini

“Ora basta. Lo devo a Stefano, a mio padre ma soprattutto a mia madre. Questo signore deve smetterla di fare spettacolo sulla nostra pelle”. Sono le parole con cui Ilaria Cucchi ha querelato Matteo Salvini per le sue frasi sul fratello Stefano, dopo la condanna dei carabinieri, lo scorso 14 novembre. Ilaria Cucchi ha querelato il leader della Lega per il reato di diffamazione, regolato dall’articolo 595 terzo comma del Codice penale.

Il tweet di Ilaria Cucchi che mostra gli atti della querela sporta nei confronti di Matteo Salvini:

La querela è nei confronti di Matteo Salvini, “nonché di chiunque altro venga ritenuto responsabile per i reati di cui all’articolo 595, 3 comma c.p., e per ogni altro reato che la S.V. ravviserà nei fatti esposti, chiedendo che i responsabili vengano perseguiti e puniti a norma di legge, con riserva di costituirsi parte civile nell’instaurando procedimento penale”.

Matteo Salvini, dopo la sentenza di condanna a 12 anni per i carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro per l’omicidio di Stefano Cucchi aveva detto: “Se qualcuno ha usato violenza, ha sbagliato e pagherà. Questo testimonia che la droga fa male sempre e, comunque, io combatto la droga in ogni piazza”.

“Che c’entra la droga? Salvini perde sempre l’occasione per stare zitto. Anch’io da madre sono contro la droga, ma Stefano non è morto di droga”, aveva dichiarato Ilaria Cucchi all’indomani delle parole di Salvini, annunciando la querela, che è arrivata oggi, 22 novembre 2019. A questo link la ricostruzione del caso Cucchi.

Leggi anche:

Con la querela a Salvini Ilaria Cucchi non sta difendendo solo Stefano ma i diritti di tutti noi

Caso Stefano Cucchi, quando Salvini diceva: “La sorella si dovrebbe vergognare, fa schifo”

Ilaria Cucchi risponde a Matteo Salvini: “Anch’io sono contro la droga e contro i rimborsi fasulli”

Il baciamano del carabiniere a Ilaria Cucchi dopo la sentenza

Cucchi è morto sotto le botte e la verità è stata violentata. Ma dopo 10 anni è arrivato il tempo della giustizia (di G. Cavalli)

7.8k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.