Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Facevano prostituire la figlia di 13 anni in cambio di ricariche telefoniche: i genitori a processo

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 19 Apr. 2019 alle 10:08 Aggiornato il 19 Apr. 2019 alle 10:14
0
Immagine di copertina
Prostituzione minorile

A Pisa due genitori sono indagati, insieme ad altri due uomini, per violenza sessuale su un minore sotto i 14 anni: facevano prostituire la figlia 13enne in cambio di regali e ricariche telefoniche. I fatti risalgono al 2013 e sarebbero avvenuti in provincia di Pisa.

L’inchiesta, coordinata dal pm Eligio Paolini, è iniziata però solo un paio d’anni dopo grazie alla telefonata di un 60enne che, per gelosia, voleva accusare un altro cliente. Padre e madre dell’adolescente dovranno rispondere anche di prostituzione minorile.

Dalle ricostruzioni degli inquirenti, è emerso che i clienti venivano procurati su Facebook direttamente dalla mamma della 13enne. Dopo che, nel 2015, è venuta fuori tutta la vicenda la ragazzina è stata affidata dal tribunale dei minori a una struttura protetta. Una volta maggiorenne, la vittima di questa storia di abusi è andata a vivere con alcuni parenti.

Stamattina si è aperta a Firenze l’udienza preliminare davanti al giuduce Gianluca Mancuso: il pm ha chiesto il rinvio a giudizio dei quattro imputati. Gli avvocati difensori, Cristina Baglivo, Bernardo Polese e Laura Provamori, hanno chiesto al giudice ulteriori approfondimenti e quindi l’udienza preliminare è stata sospesa e rinviata.

Una madre ha fatto prostituire la figlia di 12 anni per giocarsi i soldi al bingo

Malata di slot faceva prostituire la figlia per giocarsi tutti i soldi, arrestata a Milano la madre

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.