Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti

Immagine di copertina
Credit: Social

Paola Perinetto, garante dei detenuti di Ivrea dal 2018, ha paragonato su Facebook Mario Draghi a Cesare Battisti. “Nella foto – ha scritto – possiamo osservare un caso di estrema somiglianza. Uno è un criminale senza scrupoli. L’altro è Cesare Battisti”. Perinetto è una No Green pass, ha più colte espresso pubblicamente il suo parere riguardo questo provvedimento e ha partecipato a diverse manifestazioni no pass.

L’ultimo atto della suo protesta, però, ha scatenato polemiche e reazioni. “Il parallelo da lei proposto e le valutazioni espresse nel post sono inqualificabili” ha commentato Mauro Palma, garante nazionale dei detenuti. Ricordiamo che Cesare Battisti, ex terrorista e leader del gruppo Proletari Armati per il Comunismo, è stato condannato all’ergastolo per 4 omicidi. L’ex estremista rosso uccise il maresciallo degli agenti di custodia Antonio Santoro e l’agente della Digos Andrea Campagna nel 1978, il gioielliere Pierluigi Torregiani e il commerciante Lino Sabbadin nel 1979.

Il garante nazionale ha chiesto al sindaco di lvrea Stefano Sertoli e al Consiglio comunale di rimuovere la donna dal suo incarico. “È necessario – ha detto – che si stabiliscano delle linee omogenee affinché i garanti localmente designati rispondano a criteri di indipendenza e professionalità”.

Il sindaco ha commentato con stupore e indignazione quanto accaduto: “Sono esterrefatto che una persona con incarichi istituzionali possa lasciarsi andare a tale pensiero e a pubblicarlo sui social. Abbiamo convocato una conferenza urgente dei capigruppo. Lunedì l’ultima parola spetterà al Consiglio comunale”. Gli esponenti del Partito democratico locali si sono detti d’accordo sul provvedimento di rimozione: “Le espressioni della Garante sono inaccettabili, non è più compatibile con la carica pubblica ricoperta”.

Sui fatti è intervenuto anche Patrizio Gonnella, il presidente dell’associazione per i diritti e le garanzie nel sistema penale Antigone, che ha lanciato un appello: “Non è questa la vocazione pedagogica e la cultura giuridica e umana che dovrebbero avere coloro che rivestono incarichi istituzionali in materia di diritti umani. Va recuperato a tutti i livelli un linguaggio rispettoso degli altri e un senso di solidarietà sociale che manca in chi decide di non vaccinarsi”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, i residenti a TPI: “Un forte boato, poi una puzza insopportabile”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo