Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“I contagi non devono superare questa cifra o torna il lockdown”: il report del Comitato Tecnico Scientifico

Immagine di copertina
Medici Credits: ANSA

L'attenzione degli scienziati è su R con 0, l'indice del contagio. Allerta per le due date del 18 maggio e primo giugno

Fase 2 contagi, report: “I numeri per non tornare al lockdown”

Nella Fase 2 a spaventare sono i nuovi contagi. La riapertura è appena cominciata, ma già ci si prepara al peggio. A darne la conferma è un report del comitato tecnico-scientifico che svela 5 scenari possibili. Allo studio delle autorità sanitarie – spiega Il Corriere – ci sono le previsioni che dicono se e quando dovrà scattare l’alert per un nuovo lockdown. Per il momento il periodo preso in considerazione è fino al 30 giugno con due date cruciali: il 18 maggio e il primo giugno. Giorni fondamentali per capire come si sta muovendo l’incubazione del virus, che dura 14 giorni.

I cinque scenari della Fase 2

Il primo scenario è quello ideale, dove tutto va per il meglio con una media di 166 nuovi contagi al giorno, per calare ai 76 al primo giugno. Scenario due: la situazione rimane stabile con una media di 280 casi in più al giorno. Anche questa situazione sarebbe comunque da considerare sotto controllo. Terzo scenario, lievemente preoccupante, dove la media dei contagi giornalieri comincia a salire fino a superare i 359. A questa soglia scatterebbe l’allarme, onde evitare un’altra crisi sanitaria. Ma poi ci sono altri due scenari. Entrambi paventati da tutti. Il quarto vede 457 casi e per questo viene considerato “rischioso”. Peggio ancora l’ultimo scenario, il più “catastrofico” con 578 nuovi casi al giorno in due settimane. A decidere le cifre è un calcolo matematico, la R con 0, l‘”indice di contagio”: il numero dei casi positivi di oggi diviso per la media della settimana precedente. Questo attualmente, come confermato dall’Istituto Superiore di Sanità, è sotto lo 0,8, ma se dovesse crescere si ritornerebbe al punto di partenza. È per questo che viene monitorato quotidianamente e a seconda della sua curva il comitato tecnico scientifico è pronto a chiedere al governo una nuova chiusura.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Marmolada, il video del crollo del grande blocco di ghiaccio
Cronaca / Tragedia Marmolada, Messner: “Seracchi si staccano per caldo globale”
Cronaca / Dieci gradi in più sulla Marmolada, crolla ampio blocco di ghiaccio: almeno 4 morti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Marmolada, il video del crollo del grande blocco di ghiaccio
Cronaca / Tragedia Marmolada, Messner: “Seracchi si staccano per caldo globale”
Cronaca / Dieci gradi in più sulla Marmolada, crolla ampio blocco di ghiaccio: almeno 4 morti
Cronaca / Trapani, muore cadendo in un pozzo alla festa del suo 40esimo compleanno
Cronaca / Napoli, gli danno fuoco mentre è in videochiamata con la fidanzata: grave 36enne
Cronaca / Meteo, quando arriva la tregua al caldo? Martedì i primi temporali: ecco dove
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar