Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Processo Ilva, tutti condannati: 22 e 20 anni ai Riva per disastro ambientale, a Vendola 3 anni e mezzo

Immagine di copertina
Ilva Credits: ANSA

Arriva la sentenza di primo grado per il disastro ambientale causato dall'Ex Ilva: tre anni e 6 mesi per l'ex presidente della Puglia, 22 e 20 anni per Fabio e Nicola Riva. Condannati anche Florido, Conserva, Assennato, Archinà. Assolti Fratoianni, Pentassuglia e Ferrante. Confiscata l'area a caldo

Dopo cinque anni, 300 udienze e una camera di consiglio di oltre dieci giorni, arriva la sentenza di primo grado sul processo “Ambiente svenduto” sull’ex Ilva con condanne a tre anni e mezzo per Nichi Vendola, a 22 anni per Fabio Riva e a 20 anni per Nicola Riva. Gli ex proprietari e amministratori dello stabilimento di Taranto, tra i 47 imputati (44 persone e tre società) nel procedimento sull’inquinamento ambientale prodotto dallo stabilimento siderurgico rispondono di concorso in associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro.

L’accusa

Il pm Mariano Buccoliero aveva chiesto 35 condanne. In particolare aveva chiesto 28 anni di reclusione per Fabio Riva, ex amministratore e proprietario Ilva; 28 anni chiesti anche per Luigi Capogrosso, ex direttore del siderurgico di Taranto, e per Girolamo Archinà, consulente dei Riva incaricato di relazioni istituzionali. Per Nicola Riva, fratello di Fabio, la richiesta era di 25 anni. Inoltre sono stati chiesti anche 20 anni di reclusione per Adolfo Buffo, ex direttore del siderurgico di Taranto. Per l’ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, sono stati chiesti 5 anni. In totale le richieste rappresentavano, nel complesso, condanne per 400 anni.

Vendola: “Mi ribello a giustizia che calpesta la verità”

L’ex governatore della Regione Puglia Nichi Vendola dopo la sentenza ha risposto in una nota: “Mi ribello a una giustizia che calpesta la verità. Una sentenza che colpisce chi non ha mai preso un soldo dai Riva, che ha scoperchiato la fabbrica, che ha imposto leggi contro i veleni. Ho taciuto per 10 anni, difendendomi nelle aule di giustizia. Ora non starò più zitto”. “La condanna per me e Assennato una vergogna – ha continuato Vendola – non fummo complici dei Riva, ma coloro che ruppero lunghi silenzi e una diffusa complicità. Combatterò contro questa carneficina del diritto e della verità – scrive ancora l’ex governatore pugliese – Appelleremo questa sentenza, anche perché essa rappresenta l’ennesima prova di una giustizia profondamente malata.”

Le altre condanne

Oltre ai fratelli Riva e a Nichi Vendola, è stato condannato a 3 anni anche presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido con l’accusa di aver fatto pressione sui dirigenti della sua amministrazione perché concedessero l’autorizzazione all’Ilva per l’utilizzo della discarica interna alla fabbrica. Stessa pena per per l’ex assessore provinciale all’ambiente Michele Conserva. L’ex consulente della procura Lorenzo Liberti, imputato con l’accusa di aver accettato una tangente di 10mila euro per “ammorbidire” una perizia sul siderurgico, ha ricevuto una pena di 15 anni. Condannato a 2 anni per favoreggiamento anche l’ex direttore di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, che aveva annunciato durante il dibattimento di voler rinunciare alla prescrizione e per il quale la procura aveva chiesto 1 anno.

Gli assolti

Sono invece stati assolti l’ex assessore regionale Nicola Fratoianni, parlamentare di Sel, e l’attuale assessore regionale pugliese all’Agricoltura Donato Pentassuglia. L’accusa aveva chiesto 17 anni di reclusione, la Corte di assise del tribunale di Taranto, nella lunga sentenza ancora in fase di lettura, ha però assolto anche Bruno Ferrante, ex prefetto di Milano che ha ricoperto per poche settimane l’incarico di presidente del consiglio di amministrazione dell’Ilva nel 2012.

Ambiente svenduto

Il processo di Taranto è ripartito nel 2016, dopo che la prima fase è stata annullata alla fine del 2015 per errori nei verbali dell’udienza preliminare. Il primo processo si era aperto dopo il sequestro degli impianti dell’area a caldo del siderurgico di Taranto, con gli arresti avvenuti a partire dal luglio del 2012.

Molti soggetti si sono costituiti come parte civile, avanzando una richiesta di risarcimento da circa 30 miliardi. Il processo “Ambiente svenduto” è incentrato sui reati di associazioni a delinquere finalizzata al disastro ambientale, avvelenamento di sostanze alimentari e omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro. In totale gli imputati sono 47, di cui 44 soggetti e tre società: Ilva in amministrazione straordinaria, Riva Forni elettrici ed ex Riva Fire.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sindacalista ucciso, la telefonata del camionista: “È successo un casino”
Cronaca / Covid, 1197 nuovi casi e 28 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Asia Argento: “Minacciata di morte dopo la lite con Giorgia Meloni, i fasci non li tocco più”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sindacalista ucciso, la telefonata del camionista: “È successo un casino”
Cronaca / Covid, 1197 nuovi casi e 28 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Asia Argento: “Minacciata di morte dopo la lite con Giorgia Meloni, i fasci non li tocco più”
Cronaca / Ardea, la madre del killer ai genitori dei bambini uccisi: “Gesto folle, mi unisco al vostro dolore”
Cronaca / Via libera al richiamo con Astrazeneca per gli under 60 che rifiutano il mix
Cronaca / Omicidio a Milano, uccide il fratello a coltellate davanti alla madre
Cronaca / Vaccini, il Lazio anticipa i richiami di Astrazeneca. Da luglio Moderna in farmacia
Cronaca / Superate le 45 milioni di dosi somministrate in Italia
Cronaca / A Padova si celebra una messa per i single che vogliono trovare l’anima gemella
Cronaca / L’omogeneizzato comprato al supermercato era scaduto nel 2019: bimbo di 8 mesi all’ospedale