Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Vibo Valentia, una famiglia si rifiuta di mangiare accanto a un gruppo di ragazzi down: “Ci viene la nausea”

Immagine di copertina

I ragazzi si trovavano nel ristorante con due accompagnatori per mangiare una pizza e prepararsi a guardare una serie tv. I clienti del tavolo accanto hanno lasciato il locale per protesta

Atto discriminatorio verso un gruppo di down nel Vibonese

I clienti di un ristorante di Filadelfia, nel Vibonese, hanno protestato contro il locale per la presenza di un gruppo di giovani affetti dalla sindrome di down al tavolo accanto, sostenendo di non poter cenare perché disgustati dalla vista dei ragazzi.

Il grave atto discriminatorio è stato denunciato dal responsabile del “Club dei ragazzi – gruppo per l’autonomia dei ragazzi con sindrome di down”, Francesco Conidi, che la sera del 23 dicembre si trovava nel ristorante con i ragazzi, un genitore e un accompagnatore per mangiare una pizza e guardare la serie tv Rai “Ognuno è perfetto”.

Stando alla denuncia di Conidi, riportata dalla pagina Facebook dell’associazione per le disabilità “Vorrei prendere il treno”, la famiglia, non originaria del posto, era seduta al tavolo accanto al gruppo, e ha protestato contro i proprietari della pizzeria.

I clienti sostenevano di “comprendere la malattia degli stessi ma di non poter cenare accanto a loro” e rivendicavano il fatto che “a Roma certe cose non accadono” .

I due accompagnatori si sono così rivolti alla famiglia per chiedere ulteriori spiegazioni, ma questi hanno solo confermato il proprio disagio, e hanno lasciato il locale subito dopo.

Come riportato da Repubblica, il sindaco di Filadelfia, Maurizio De Nisi, ha duramente condannato l’episodio. “È sconfortante prendere atto che alle soglie del 2020 a una persona possa essere negata la libertà di cenare con gli amici solo perché affetta da sindrome di down”, ha dichiarato il sindaco.

Leggi anche:
Valerio, insultato sui social, colpevole di essere Down e di aver salvato la vita a una bambina
Patrick, il primo bambino modello di Zara con la sindrome di Down
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 149.512 casi e 248 morti. Tasso di positività al 16,1%
Cronaca / Dopo ansia e depressione causate dalla pandemia, spopola il mercato della tranquillità. Ecco cos’è e quanto spendiamo
Cronaca / Alzano e Nembro, la perizia di Crisanti ai pm: “Con zona rossa 4mila morti in meno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 149.512 casi e 248 morti. Tasso di positività al 16,1%
Cronaca / Dopo ansia e depressione causate dalla pandemia, spopola il mercato della tranquillità. Ecco cos’è e quanto spendiamo
Cronaca / Alzano e Nembro, la perizia di Crisanti ai pm: “Con zona rossa 4mila morti in meno”
Cronaca / Melandri ritratta: “Non ho preso volontariamente il Covid, era solo una battuta”
Cronaca / Covid, Locatelli (Cts): “Curva sta rallentando. Vaccinazioni con numeri straordinari”
Cronaca / Covid, oggi 180.426 casi e 308 morti. Tasso di positività al 14,8%
Cronaca / Arriva il caro-colazione, per Assoutenti: “Al bar un euro e 50 per un caffè”
Cronaca / Marco Melandri: “Ho preso il Covid volontariamente per non vaccinarmi e avere il green pass”
Cronaca / Vladimir Luxuria a TPI: “Mi sento donna anche col pene”
Cronaca / Cannabis light, Luca Fiorentino a TPI: “In Europa si fanno leggi per aprire, da noi si cercano trabocchetti per chiudere”