Ponte Morandi, diffuso un video inedito del crollo: è la prova chiave per le indagini

Di Marco Nepi
Pubblicato il 1 Lug. 2019 alle 10:46 Aggiornato il 1 Lug. 2019 alle 10:55
0
Immagine di copertina

crollo ponte morandi video guardia finanza – È passato quasi un anno dalla tragica mattina del 14 agosto che ha segnato la storia di Genova, quando il ponte Morandi è crollato provocando la morte di 43 persone. Oggi, lunedì 1 luglio, la Procura ha autorizzato la diffusione del video ripreso dalle telecamere private dell’azienda Ferromental, che si trovava a pochi passi dal viadotto Polcevera. Il video è stato anche consegnato ai consulenti degli indagati.

Subito dopo l’incidente, le immagini erano state sequestrate dalla Guardia di Finanza, dietro ordine dei pubblici ministeri Massimo Terrile e Walter Cotugno. Il sequestro, secondo l’accusa, avrebbe permesso di non influenzare le numerose testimonianze che iniziavano a essere raccolte dai magistrati.

Il video mostra gli istanti immediatamente precedenti il crollo. Le riprese sono considerate una prova chiave per le indagini perché fanno luce sulle dinamiche che hanno portato al cedimento della pila 9 e dell’intera struttura formata da impalcato, piloni e tiranti. Dalle immagini si vede la sommità della pila 9 che si stacca e l’intera struttura che cede, girando su se stessa e piegandosi sulle “ginocchia”.

Il crollo viene preceduto da una forte raffica di vento. Dopo il cedimento della struttura, si vedono alcuni lampi provocati, con ogni probabilità, da cavi della linea elettrica tranciati dai
detriti.

Video ponte morandi | La demolizione. Lo scorso 28 giugno è iniziata la demolizione del viadotto Polcevera. Le pile 10 e 11 dell’ex viadotto sono state abbattute con l’esplosivo.

>Vedi anche: Le immagini della demolizione del Ponte Morandi

Molti cittadini si erano dati appuntamento per assistere ai lavoro di demolizione, radunandosi nel piazzale della Chiesa di Coronata.

Sul luogo della demolizione erano stati piazzati cannoni ad acqua che nei minuti precedenti all’esplosione hanno bagnato le pile di ciò che rimaneva nel ponte per limitare la polvere che si era alzata. Una enorme nube è rimasta nell’aria per molti minuti successivi al brillamento.

Hanno assistito all’evento i due vicepremier. Assente, invece, il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Presenti il sindaco di Genova Marco Bucci e il governatore della regione Liguria Giovanni Toti.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.