Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, al via il procedimento civile contro Lombardia e Governo chiesto dai parenti delle vittime di Bergamo: “La politica deve pagare”

Immagine di copertina

Covid, al via il procedimento civile contro Lombardia e Governo chiesto dai parenti delle vittime

È iniziato a Roma il procedimento civile intentato da 500 famiglie che hanno fatto causa a Regione Lombardia, ministero dello Salute e presidenza del Consiglio per aver perso i propri cari nella provincia di Bergamo a causa del Covid-19 in un contagio che, secondo l’accusa, poteva essere evitato.

Come documentato in esclusiva da TPI, la provincia di Bergamo è diventata in poche ore il lazzaretto d’Italia a marzo 2020 a causa della decisione di non istituire una zona rossa simile a quella che le autorità sanitarie – regionali e statali – avevano istituito a Codogno dopo i primi casi di Coronavirus esplosi in Italia. Decisione presa nonostante l’Iss avesse raccomandato al Cts la chiusura delle province di Alzano e Nembro, dove la diffusione del virus era diventata preoccupante già il 2 marzo, in seguito ai casi registrati all’Ospedale Pesenti Fernaroli di Alzano Lombardo.

Ma nell’atto d’accusa si fa anche riferimento al mancato aggiornamento del piano pandemico da parte del governo e la sostanziale impreparazione delle autorità sanitarie di fronte a un’emergenza che, con la dovuta accortezza, poteva essere in parte prevenuta.  In occasione dell’inizio del processo alcuni familiari hanno organizzato un sit-in davanti al Tribunale di Roma, a cui hanno partecipato circa 40 persone provenienti dalla Lombardia. “La salma di mio padre era nei camion dell’esercito – ha raccontato una parente al Fatto Quotidiano – non potete neanche immaginare che dolore abbiamo provato”.

Dal procedimento i parenti delle vittime sperano di ottenere giustizia e un risarcimento di circa 100milioni di euro. Le famiglie delle vittime di Bergamo sono convinte di aver pagato per “le malefatte della politica” e che per questo ora è la politica a dover pagare. Il processo andrà a porsi parallelamente a quello penale che si sta tenendo a Bergamo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza
Cronaca / Brusaferro (Iss) chiede prudenza: "Rt verso stabilizzazione"
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari