Grigliata, birra e musica a tutto volume: la polizia blocca festa clandestina a Milano

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 8 Apr. 2020 alle 16:13
372
Immagine di copertina
Polizia Credits: Ansa

A Milano una festa clandestina in quarantena da Coronavirus con musica, grigliata e birra a fiumi. È successo in via Aterno, ieri martedì 7 aprile: i poliziotti hanno sanzionato amministrativamente sette ragazzi che si era ritrovati per una festa in casa. Gli agenti del commissariato Lorenteggio sono intervenuti alle ore 16.15 dopo che alcuni cittadini avevano segnalato alla centrale operativa della Questura di Milano che c’era una festa con musica ad alto volume in un appartamento al primo piano di uno stabile in via Aterno.

Giunti sul posto, i poliziotti, udita ancora la musica ad alto volume, hanno fatto ingresso nell’appartamento e il titolare, un cittadino brasiliano di 33 anni in affitto, ha dichiarato loro di aver organizzato il ritrovo, a base di carne e birra, con gli amici della zona Baggio/Lorenteggio per passare il tempo in maniera differente durante il periodo di emergenza sanitaria, incuranti delle disposizioni relative alle misure di prevenzione del contagio da Covid-19.

Gli agenti del commissariato Lorenteggio hanno, pertanto identificato tutti i presenti, cittadini sudamericani di età compresa tra i 18 e i 23 anni, e li hanno sanzionati per il mancato rispetto delle misure di contenimento previste dal decreto legge 19/2020. Uno dei ragazzi presenti, un ragazzo argentino di 19 anni, è stato accompagnato in Questura per i rilievi foto-dattiloscopici perchè irregolare sul territorio nazionale.

Leggi anche:

1. Gli ordini dei Medici della Lombardia scrivono una lettera a Fontana: “Disastro provocato da 7 errori della Regione” 2. Le 100 morti sospette al Pio Albergo Trivulzio: la punta dell’iceberg di quello che sta succedendo nelle RSA 3. Contagio Coronavirus all’ospedale di Alzano: dopo l’inchiesta di TPI la Procura di Bergamo indaga per epidemia colposa 4. “Al Policlinico di Bari mancano le tute, quelle arrivate dalla Protezione Civile non sono certificate: il personale ha paura di lavorare”. La denuncia a TPI

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

372
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.