Covid ultime 24h
casi +23.225
deceduti +993
tamponi +226.729
terapie intensive -19

Coronavirus, il messaggio di Mattarella: “Richiesta la stessa unità del dopoguerra”

Il Capo dello Stato torna a parlare della pandemia che sta interessando l'Italia in occasione dell'anniversario dell'eccidio delle Fosse Ardeatine

Di Antonio Scali
Pubblicato il 24 Mar. 2020 alle 10:14
1.1k
Immagine di copertina

Coronavirus, Mattarella: “Richiesta stessa unità del dopoguerra”

Torna a parlare agli italiani il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in questi giorni difficili legati all’emergenza Coronavirus. Il lavoro del Quirinale prosegue nell’ombra per tenere uniti maggioranza e opposizioni ed evitare una crisi istituzionale che non farebbe altro che aggravare le cose, oltre a lanciare messaggi di speranza ai cittadini.

Dopo il messaggio di domenica scorsa rivolto agli anziani, Mattarella oggi, 24 marzo 2020, ha parlato nuovamente in occasione del 76esimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine.”Quest’anno – dice il presidente della Repubblica –  con grande rammarico, non sarà possibile incontrarsi, nel giorno del 76° anniversario, al mausoleo delle Fosse Ardeatine per ascoltare, insieme alle loro famiglie e con sempre uguale commozione”.

Il Capo dello Stato nel suo messaggio sottolinea quanto quella triste vicenda del passato possa essere di insegnamento per la situazione attuale: “L’eccidio delle Ardeatine ha costituito una delle pagine più dolorose della storia recente del nostro Paese. I valori del rispetto della vita e della solidarietà che ci sorreggono in questo periodo, segnato da una grave emergenza sanitaria, rafforzano il dovere di rendere omaggio a quei morti innocenti”. E  ancora: “Al termine di quegli anni terribili, segnati dalla dittatura e dalla guerra, l’unità del popolo italiano consentì la rinascita morale, civile, economica, sociale della nostra Nazione. La stessa unità che ci è richiesta, oggi, in un momento difficile per l’intera comunità”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino) / 2. Lo sfogo di un medico a TPI: “Se la Lombardia non cambia strategia, la gente continuerà a morire”(di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

1.1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.