Me
HomeCronaca

L’orribile storia di Roger: il coniglio lapidato a Ischia da un gruppo di turisti in yacht

A denunciare l'episodio il gruppo 'Animalisti italiani' su Facebook

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 18 Ago. 2019 alle 15:28 Aggiornato il 19 Ago. 2019 alle 09:43
Immagine di copertina

Un gruppo di turisti ha preso a sassate e ucciso un coniglio a Ischia dopo essere sceso dal proprio yacht: si chiamava Roger.

Il coniglio era la piccola mascotte della spiaggia di Varulo, nella frazione di Lacco Ameno a Ischia.

I turisti avevano lanciato una sorta di scommessa: il primo in grado di finire l’animale avrebbe vinto. E un vincitore c’è stato, perché il piccolo coniglio Roger è stato ucciso.

A denunciare l’orribile episodio su Facebook il gruppo Animalisti italiani in un post, che racconta di come il gruppo abbia lapidato Roger anche davanti a bambini, e che chiede aiuto agli utenti nella ricerca dei responsabili

“Roger, era stato chiamato così, un coniglio che da qualche settimana viveva sulla spiaggia di Varulo in località Lacco Ameno ad Ischia. I visitatori gli portavano tutti i giorni frutta fresca, sedano e insalata e i bambini si divertivano a vederlo saltellare felice sugli scogli”, scrive lo staff del gruppo Facebook.

“Ma a Ferragosto un gruppo di menti malate e annoiate, scesi da uno yacht, ha ben pensato di scommettere a chi riusciva per prima a ucciderlo con un colpo di pietra. Un vincitore c’è stato. Roger è morto con la schiena spezzata. Lapidato per divertimento anche davanti ad alcuni bambini”.

“Animalisti Italiani sporgerà denuncia per maltrattamento e uccisione di animale al momento contro ignoti. Chiediamo a chiunque possa fornirci informazioni utili per risalire a questi criminali, di contattarci al più presto per e-mail. Troppa violenza sui più deboli, troppo odio, di umano ci resta veramente poco”, scrive ancora il gruppo animalista nel suo post di denuncia contro l’uccusione del coniglio Roger, di cui posta una foto.

VIDEO | Conigli in gabbia, gli animalisti: “C’è un modo per mettere fine a questa crudeltà”