Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Albissola, saluti romani al concerto neofascista: “Le SS non erano criminali”

.

Albissola e il concerto neofascista

Un concerto neofascista nell’Italia del 2020. L’episodio risale a domenica 26 gennaio, qualche settimana fa. Ma la data sembra esser quasi simbolica, dato che si trattava della vigilia del Giorno della Memoria per le vittime della Shoah.

E proprio in quella data ad Albissola Marina, piccolo comune della Liguria in provincia di Savona, è andato in scena un concerto in cui a farla da padrona non è stata la musica, ma le parole e i gesti. Come i saluti romani con cui si è conclusa la serata e i cori che inneggiavano al ‘lavoro’ delle SS negli anni precedenti e durante la seconda guerra mondiale. Il tutto era stato condiviso anche su Internet, prima che venisse rimosso.

A denunciare l’accaduto è stata una pagina social, Villalba Antifascista e Antirazzista, di un’associazione nata in uno dei quartieri di Savona dove ha sede anche la sede provinciale degli estremisti di destra di CasaPound. E ci sono anche le immagini immortalate da un video che, fino alla tarda serata di ieri, era online su Youtube. Ora, dopo che la notizia è diventata di dominio pubblico, quel filmato non risulta essere più disponibile sulla piattaforma.

E se ai saluti romani siamo, oramai, tristemente e desolatamente abituati, quel che accade nel resto della serata all’interno del Pub Birreria di Albissola Marina è aberrante. Il presentatore del concerto del gruppo Feanor che si è esibito live nel locale, ha infatti parlato anche delle SS – le Schutzstaffel, l’organizzazione paramilitare agli ordine del regime nazista di Adolf Hitler – in questo modo: “Soldati che hanno sacrificato la loro vita per un’idea di Europa, la stessa Europa in cui crediamo noi finita quel giorno a Berlino”. Definendoli non criminali.

Un concerto dunque per inneggiare a un periodo sporco di sangue degli innocenti. E Albissola Marina è stato il teatro di questa scempia esaltazione su cui adesso la magistratura effettuerà le indagini del caso e capirà se si è trattato di apologia del fascismo.

Leggi anche:

La mappa delle aggressioni e degli attentati di matrice fascista in Italia

La destra che disonora il 25 aprile ci insegna una cosa: il fascismo è tornato perché lo abbiamo tollerato

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È arrivato il numero 1 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 5.117 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 1,7%
Cronaca / Covid, Bassetti: “La pandemia potrebbe finire entro la prossima primavera”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È arrivato il numero 1 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 5.117 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 1,7%
Cronaca / Covid, Bassetti: “La pandemia potrebbe finire entro la prossima primavera”
Cronaca / Gimbe: "In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati"
Cronaca / Cecilia Strada denuncerà chi ha diffuso fake news sul padre: "Con i vostri soldi finanzierò i soccorsi in mare"
Cronaca / Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori: via libera in Cdm
Cronaca / Russia, Putin in isolamento: "Positive decine di persone nel mio entourage"
Cronaca / Paracetamolo, plasma iperimmune, anticorpi monoclonali: le risposte ai dubbi sulle terapie anti-Covid
Cronaca / Vicenza, 21enne uccisa a colpi di pistola: assassino in fuga
Cronaca / Covid, oggi 4.830 casi e 73 morti