Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bologna, 90 lavoratori della logistica licenziati su WhatsApp: “La collaborazione termina, buon anno”

Immagine di copertina

“Un buon anno” che non ha nulla di buono. Così si conclude un messaggio giunto a oltre 90 lavoratori della logistica di Bologna, malamente liquidati dal datore di lavoro con poche parole. La vergogna dei licenziamenti tramite social non finisce.

I 90 facchini addetti al parking di via Tanari a Bologna sono stati licenziati via Whatsapp. A darne notizia è stato ieri il sindacato Si Cobas: “Il 2022 non si presenta bene per gli oltre 90 operai che lavoravano all’Interporto di Bologna e che prestavano la propria attività lavorativa alle dipendenze della Xbt servizi e logistica, azienda di proprietà della Zampieri holding. Il 31 dicembre, attraverso uno dei consueti messaggini Whatsapp, la Xbt ha comunicato a tutti i dipendenti che quel giorno «sarebbe terminata la loro collaborazione, così come i loro contratti”.

Questo il testo del messaggio ricevuto: “Buongiorno a tutti, vi comunico che con oggi 31 dicembre 2021 termina la nostra collaborazione così come i vostri contratti, anche il nostro contratto è terminato, purtroppo non è stato rinnovato, quindi il magazzino rimane chiuso questo a causa di tutte le vicende che conoscete bene e che hanno portato a questo risultato, errori fatti sicuramente da entrambe le parti. Nel mese di gennaio 2022 vi verrà corrisposto lo stipendio relativo al mese di dicembre e tutto il resto. Vi auguro buon anno”.

Per i Si Cobas è il caso di dire: “Oltre il danno, la beffa”. Perché i 90 lavoratori, dopo essere stati liquidati con un Whatsapp, continua la nota, “vengono anche colpevolizzati” per “errori fatti da entrambe le parti”.

Gli errori dell’azienda, per il sindacato, sono “lo sfruttamento, le irregolarità continue, la mancanza totale di sicurezza che in poco più di un mese aveva portato a quasi una decina di infortuni”. Gli “errori” imputati ai lavoratori, invece, sarebbero “l’aver denunciato le irregolarità. Aver reso pubblico tutto ciò che accadeva nell’ennesimo luogo dello sfruttamento. Bisognava stare zitti”, attaccano i Si Cobas. Invece, nei mesi scorsi “i lavoratori hanno iniziato ad organizzarsi e scioperare per richiedere contratti stabili e condizioni di lavoro migliori”, ricorda il sindacato, mentre “segnalazioni sono state fatte all’Ausl, all’Ispettorato del lavoro e alla Prefettura”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Cronaca / È morta l’ultima figlia (illegittima) di Mussolini: chi era Elena Curti
Cronaca / Covid, intera famiglia stroncata dal virus: non erano vaccinati
Cronaca / No vax pentito scrive un libro: “Ho creduto di morire, spero di convincere i dubbiosi”
Cronaca / Fabio Fazio contro i no vax: “Disinformazione riempie ospedali, non si può dare spazio”
Cronaca / Bassetti: “Tutti prenderanno la variante Omicron entro l’inizio dell’estate”
Cronaca / Melandri scaricato da uno sponsor dopo le dichiarazioni sul Covid: “Prendiamo le distanze”
Cronaca / La previsione del capo di Pfizer: “L’attuale ondata di Covid-19 sarà l’ultima con le restrizioni”