Barcellona, arrestati due turisti italiani: “Hanno drogato e violentato due ragazze”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 24 Ago. 2020 alle 08:32
1.5k
Immagine di copertina
Credits: Pixabay

Barcellona, arrestati due turisti italiani: “Drogate e violentate due ragazze”

Due turisti italiani di 23 anni sono stati arrestati a Barcellona con l’accusa di aver drogato e poi violentato due ragazze conosciute in un locale a Sant Adrià de Besòs. A riportare la notizia è il giornale La Vanguardia, che spiega che i fatti risalgono allo scorso 16 agosto, anche se i due sono stati fermati solo giovedì scorso. Quella sera, secondo la ricostruzione, i due turisti italiani si trovavano a un tavolo del locale, quando hanno notato le giovani con un gruppo di amiche. Allora si sono avvicinati e hanno iniziato a parlare. Poi, nei ricordi delle due vittime c’è un lungo black-out, che dura fino alla mattina del 17 agosto, quando si sono svegliate in casa dei due turisti italiani, confuse e stordite.

Alla polizia le due hanno raccontato che, della sera prima, ricordavano solo di essere finite a casa di due uomini che avevano conosciuto poco prima in un locale. Le ragazze sono state condotte in ospedale: secondo le analisi, hanno ingerito involontariamente un farmaco contenente benzodiazepine, sostanze che hanno effetti sedanti e rilassanti e che provocano delle perdite di memoria. Le benzodiazepine, per questo motivo, sono considerate tra le più comuni “droghe dello stupro”. Scattata la denuncia, la polizia è riuscita a identificare i presunti aggressori grazie ai social network. Nel corso delle indagini è stato scoperto anche qual è l’appartamento, che si trova nel distretto del Eixample di Barcellona, in cui si sarebbero consumati gli abusi.

Leggi anche: 1. “Sembra un maschio, non è stupro”. La Cassazione annulla la sentenza: “Aspetto fisico è irrilevante” / 2. Bologna, risponde a un annuncio di lavoro: 20enne “violentata e drogata” / 3. “Mia madre mi teneva ferma mentre il mio patrigno mi violentava”, 17enne stuprata e drogata a Genova

1.5k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.