Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ragazza alla pari e aspirante cantante trovata morta vicino a due siringhe a Milano

Immagine di copertina
Iza "Isabel" Kavtaradze (Foto: Facebook)

Aveva compiuto da poco 27 anni, era originaria della Georgia ma viveva a Milano, ospite di una famiglia come ragazza alla pari. Si era diplomata al conservatorio di Tbilisi, insegnava musica e inglese ed era un’aspirante cantante. Iza Kavtaradze, per tutti Isabel, è stata trovata morta nella sua casa nella serata di sabato 30 marzo 2019.

Accanto al suo cadavere, in un appartamento elegante di via Mauro Macchi, c’erano due siringhe e un cucchiaino bruciato. Oggetti che hanno fatto subito pensare a un’overdose di eroina, avvenuta durante una serata in cui la famiglia era fuori casa. In camera, inoltre, è stata trovata una bustina di marijuana.

Eppure, il racconto di chi conosceva Isabel non sembra compatibile con la vita di una ragazza morta di overdose: la giovane donna georgiana ha lavorato come volontaria in Sicilia, insegnando musica e inglese ai più piccoli, ed è stata ragazza alla pari anche in altre città (Rodano, Champoluc), dove ha fatto anche la baby sitter.

Secondo le prime testimonianze, non ha mai avuto problemi di droga. Da poco, poi, era entrata in una prestigiosa scuola di musica di Milano. Tutti elementi che, nonostante l’evidenza della scena che gli investigatori si sono trovati davanti una volta giunti nella casa di via Macchi, lascia più di un dubbio.

A far riflettere gli agenti è soprattutto la seconda siringa: se Iza Kavtaradze avesse voluto bucarsi da sola, non si spiegherebbe allora la presenza dell’altra siringa. Per questo motivo, diventano fondamentali adesso gli esami della polizia scientifica sul cadavere della ragazza e sugli oggetti rinvenuti lì accanto.

Non si può escludere al momento l’ipotesi che la ragazza fosse in compagnia di un’altra persona che, una volta consumata la droga, si è allontanata.

Alcuni amici, però, fin dalle ore successive alla morte di Isabel hanno parlato di un grave problema al cuore, di cui soffriva la ragazza, come possibile causa della sua morte. Solo l’esito degli esami potrà dare le prime risposte.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%