Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Acireale, svolta nel caso di Agata Scuto: arrestato l’ex convivente della madre

Immagine di copertina

Acireale, svolta nel caso di Agata Scuto: arrestato l’ex convivente della madre

Un uomo di 60 anni è stato arrestato ad Acireale per l’omicidio e l’occultamento del cadavere di Agata Scuto, 22enne scomparsa nel 2012. Si tratta di Rosario Palermo, ex convivente della madre di Scuto, il cui corpo non è stato mai trovato. La ragazza era affetta da epilessia e da una menomazione al braccio e alla gamba e, secondo la procura, avrebbe instaurato con Palermo “un rapporto particolare” nel periodo precedente la scomparsa.

Tra i “gravi indizi di colpevolezza” a carico di Palermo è presente in particolare un’intercettazione in cui l’uomo, parlando da solo all’interno della sua auto, avrebbe confessato l’omicidio. Secondo la procura, nell’intercettazione Palermo “spaventato dal suo possibile arresto, manifestava il proprio timore che il corpo di Agata Scuto venisse trovato in un casolare a Pachino e che si accertasse che era stata strangolata e bruciata, riflettendo sulla necessità, inoltre, di recarsi sul luogo per verificare cosa fosse rimasto del cadavere”.

L’uomo è anche accusato di aver tentato di inquinare le prove, tramite “una complessa messa in scena” per confermare il falso alibi. Palermo avrebbe “simulato delle tracce” per giustificare una ferita alla gamba avvenuta nel giorno della scomparsa della ragazza, che aveva attribuito a una caduta in montagna. Nel periodo di restrizioni per la pandemia, l’uomo avrebbe cercato di nascondere sull’Etna “un tondino di ferro intriso del suo sangue, che avrebbe voluto fare ritrovare il giorno del suo arresto al fine di dimostrare il suo alibi e la sua innocenza”.

Le indagini che hanno portato al suo arresto erano state avviate dai carabinieri di Acireale nel 2020, dopo una segnalazione alla trasmissione “Chi l’ha visto?” su Rai3, in cui si affermava che il corpo della ragazza era stato nascosto nella cantina della casa della madre. Le ricerche diedero esito negativo, ma fecero emergere sospetti sul compagno della madre di Agata Scuto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, sceglie una persona a caso e la spinge sui binari della metro mentre arriva il treno: arrestata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Milano, tabaccaio ruba a un cliente un Gratta e vinci da 100mila euro: indagato per truffa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, sceglie una persona a caso e la spinge sui binari della metro mentre arriva il treno: arrestata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Milano, tabaccaio ruba a un cliente un Gratta e vinci da 100mila euro: indagato per truffa
Cronaca / Investe un cinghiale, morto 17enne nel casertano: guidava l’auto senza patente
Cronaca / Pullman scoperto della Roma: le strade chiuse oggi, deviazioni, metro chiusa, bus
Cronaca / Donna uccisa a coltellate a Vittoria, fermato il killer: “Omicidio casuale”
Cronaca / “Impossibile ignorare quelle fanciulle in fiore”: polemiche sul libro del prof che ha dato della “zoccoletta” a un’alunna
Cronaca / Stromboli, domato l’incendio scoppiato sul set di una fiction con Ambra Angiolini
Cronaca / Falcone spiato, dopo l’inchiesta di TPI presentata un’interrogazione in Senato
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità