Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Costume

A Bologna nasce Cuorarreda, il primo negozio di design affettivo

Immagine di copertina

Daniela Natali fa "rifiorire" quegli oggetti a cui le persone sono legate

A Bologna nasce il primo negozio di design affettivo

Di design affettivo si sente parlare troppo poco, ma a Bologna nasce invece un negozio dedicato proprio a far “rifiorire” quegli oggetti a cui le persone sono legate dal punto di vista affettivo.

Daniela Natali ha avuto l’idea di restituire vita e dignità a oggetti che fanno parte del nostro vissuto, ma che da tempo giacciono abbandonati in un angolo della cantina o della soffitta.

Così nasce Cuorarreda: “Mi ha sempre affascinato la cantina di Gianni, il compagno di mia mamma, un eccezionale artigiano del legno che conserva gelosamente i più disparati oggetti, ognuno con la sua storia”, afferma Daniela.

Daniela Natali

“In questi anni, più volte ho sentito amici e conoscenti parlare con affetto di oggetti della loro infanzia, di oggetti dei loro genitori o nonni ai quali erano sinceramente legati, perché contenevano in se ricordi, sensazioni, emozioni”. Oggetti di tutti i tipi, spiega la creatrice di Cuorarreda: un vecchio comodino, un orologio a pendolo che non funzionava più, ma anche solo una sedia rotta.

“Qualsiasi fosse la natura dell’oggetto, io ero sempre affascinata dal potere emotivo che esso conteneva, dai ricordi che faceva scaturire. Ad alcune amiche ho chiesto di mostrarmi questi oggetti e quasi in tutti i casi ho scoperto con dispiacere che non riuscivano a ritrovarli o che erano stati gettati via per vari motivi”, continua ancora Daniela che ha capito come gli oggetti cambino valore da persona a persona: per qualcuno quell’oggetto è solo qualcosa di ingombrante, per altri è un ricordo da custodire gelosamente.

Ed è proprio partendo da questo concetto che Daniela Natali decide di dar vita al primo negozio di design affettivo. “Mi sono chiesta: perché oggetti così importanti venivano solitamente ‘abbandonati’ e non conservati, riparati, rinnovati?”, continua.

La risposta che si dà la creatrice di Cuorarreda è che quello che manca è “una forte motivazione a recuperarli”. Daniela ne è convinta: “Per ogni cosa della vita, la motivazione è tutto e dipende dal valore che si dà a quella cosa e dall’aspettativa di riuscita ad essa legata. In tutti quei casi il valore affettivo degli oggetti era molto alto, ma l’aspettativa di riuscire a ripararli, di renderli di nuovo utilizzabili o presentabili era molto bassa: proprio non sapevano come fare! E quindi la reale motivazione a recuperare quegli oggetti non era sufficiente”.

Ma come è iniziato tutto? Daniela Natali racconta che tutto è nato quando ha ritrovato una vecchia cornice della madre. In quel momento si è resa conto che avrebbe potuto trasformare quell’oggetto in un nuovo oggetto di arredamento, ma ricco di una storia affettiva che una cornice nuova non avrebbe avuto.

“Sentivo la motivazione, ma anche l’aspettativa di riuscire a far ‘rifiorire’ veramente questo oggetto che stava nel mio cuore! E così è nata l’idea di creare Cuorarreda, un progetto che riempie un vuoto: l’aspettativa di riuscita”, continua ancora Daniela.

“Ho scoperto di essere brava a prendermi cura degli oggetti (spesso abbandonati) che stanno nel cuore della gente, di capire la loro ‘storia’ e di dare loro una nuova vita come oggetti di arredamento ‘affettivo’, grazie a progetti di recupero e restauro che prevedono l’inserimento di piante e composizioni floreali. Ed è stata per me una grande soddisfazione, anche scoprire che Cuorarreda è il primo negozio italiano di ‘design affettivo’, dove ogni progetto è un rifiorire di emozioni e ogni cliente può scoprire la seconda vita dei propri oggetti del cuore”, conclude la creatrice di Cuorarreda, che nasce a pochi chilometri da Bologna, a San Lazzaro.

Ti potrebbe interessare
Costume / “Essere Gerry Scotti fa sco**re di più?”: la sorprendente risposta del conduttore alla domanda di Fedez
Costume / Ferragnez, polemiche per gli accappatoi di Versace di Leone e Vittoria: ecco quanto costano
Costume / Russia, gli ex fast food McDonald’s ora si chiamano Vkousno i totchka: “Delizioso e basta”
Ti potrebbe interessare
Costume / “Essere Gerry Scotti fa sco**re di più?”: la sorprendente risposta del conduttore alla domanda di Fedez
Costume / Ferragnez, polemiche per gli accappatoi di Versace di Leone e Vittoria: ecco quanto costano
Costume / Russia, gli ex fast food McDonald’s ora si chiamano Vkousno i totchka: “Delizioso e basta”
Costume / 2 giugno 2022, le immagini da inviare per gli auguri su WhatsApp
Costume / 2 giugno 2022: frasi e immagini da mandare su WhatsApp per la Festa della Repubblica
Costume / Aumento del gioco online dopo la pandemia
Costume / Quanto guadagna Khaby Lame? Stipendio e patrimonio del tiktoker italiano
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Costume / Grande Fratello, Fedro contro Luca Argentero: “Eravamo fratelli, si è rivelato un opportunista”
Costume / Belen Rodriguez torna a parlare di autoerotismo in tv: “Scegli cosa pensare e non devi fingere orgasmi”