Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Costume

A Napoli un corrimano per raccontare un incantevole panorama ai non vedenti

Immagine di copertina

L'idea è di un artista napoletano di nome Paolo Puddu che ha progettato un corrimano realizzato con caratteri Braille

“Follow the shape”, segui la forma. A Napoli si può apprezzare la bellezza attraverso il turismo accessibile, perché emozioni, paesaggi e sentimenti possono finalmente arrivare a tutti.

L’idea è di un artista napoletano di nome Paolo Puddu che ha progettato un corrimano realizzato con caratteri Braille.

Il corrimano si affaccia su una delle tante viste mozzafiato di castel Sant’Elmo, praticamente una delle colline da sogno che ammira i paesaggi più incantevoli d’Italia.

Non tutti però possono godere allo stesso modo di tanta bellezza, ed è per questo motivo che l’artista Puddu ha utilizzato i caratteri Braille per permettere alle persone cieche la descrizione del paesaggio. Caratteri più grandi del solito perché, come spiega l’autore, l’invito è quello a rallentare per fare attenzione ad ogni singola parola tratta da “La terra e l’uomo”, libro scritto nel ’47 dal geografo e geologo Giuseppe de Lorenzo.

Così l’isolotto di Megaride, i Campi Flegrei, il Castel dell’Ovo e la sirena Partenope, Capo Miseno e i profili di Capri, Ischia e Procida, e infine la stazza del Vesuvio ma anche tanto altro, sono adesso una conquista che dobbiamo festeggiare.

Certo, quello di Puddu è solo un primo passo, ma è importante perché sveglia le nostre coscienze e ci ricorda che la bellezza può e deve essere qualcosa di accessibile a tutti.

Cambiare la mentalità significa aumentare la qualità della vita di tutti, ampliare gli orizzonti e godere anche in modo diverso degli elementi, dando più risalto a un certo aspetto rispetto a quelli a cui siamo abituati.

Basta un semplice contatto, lo sfiorarsi delle dita contro il metallo riscaldato dal sole del golfo, per creare subito una magia.

“Paolo Puddu, classe ’86, ha fatto di un “confine” rappresentato dal suo corrimano una finestra che si affaccia sulla bellezza, rendendola accessibile anche alle persone cieche”, si legge su “Ultima Voce“.

Ed è così, bisogna sempre poter credere che nessun confine è mai finito.

Ti potrebbe interessare
Costume / Come migliorare in ambito sentimentale con una scuola di seduzione
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ti potrebbe interessare
Costume / Come migliorare in ambito sentimentale con una scuola di seduzione
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Costume / Cambiano le abitudini degli italiani a tavola: ecco quali sono le nuove tendenze
Costume / Transpallet manuali: come evolverà il mercato nei prossimi anni
Costume / Fedez compra una Ferrari e la prova con Chiara Ferragni: “Non la so guidare”
Costume / Chiara Ferragni e Fedez visitano il cantiere della nuova casa: “Ma la piscina è condominiale” | VIDEO
Costume / Giulia Stabile a TPI: “La danza mi ha salvata dai bulli. Sangiovanni? Con lui voglio una famiglia. È quello giusto”
Costume / Il vodcast “Giving Back Generation” presenta le nuove stagioni con interviste inedite per il mese della sensibilizzazione sulla salute mentale
Costume / “Irina Shayk sostiene Putin”: bufera sulla top model russa. La replica su Instagram