Il lockdown è finito, ma la mobilità non è più quella di prima (almeno in Italia)

Di Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani
Pubblicato il 17 Lug. 2020 alle 12:20
27
Immagine di copertina
Credit: Pixabay

A inizio luglio la mobilità in Italia (sulla base dei dati Apple e Google) restava al di sotto di quella pre-crisi (Tav.1). In particolare, mentre il trasporto in auto ha più che recuperato rispetto alla situazione di gennaio (forse anche per effetto della stagionalità), il trasporto pubblico e gli spostamenti a piedi risultano, rispettivamente, più bassi del 38 e del 23 per cento, seppure anche questi dati potrebbero essere influenzati da fattori stagionali (si pensi, ad esempio, alle esigenze di spostamento degli studenti pendolari). Rispetto ai luoghi di destinazione, la mobilità nei parchi è aumentata, ma qui il fattore stagionale è preponderante, mentre le altre categorie stanno ancora al di sotto dei livelli di metà febbraio, tranne che gli spostamenti in luoghi residenziali (che erano ovviamente aumentati durante il lockdown).

I paesi che avevano avuto un impatto del lockdown sulla mobilità di intensità lieve o intermedia hanno recuperato più rapidamente i livelli pre-crisi (Tav. 2 e 3 e Fig.1). Difatti occupano le prime posizioni nelle tavole, in termini di aumento della mobilità (anche se con ordinamento diverso per le due tipologie di dati considerate), Belgio e Germania, identificate tra le meno colpite dal lockdown.

Italia e Spagna, invece, che avevano avuto un impatto della chiusura particolarmente forte, sono ancora lontane dall’aver recuperato i livelli pre-crisi. La Francia rappresenta un caso interessante in quanto, nonostante avesse una situazione simile a Spagna e Italia in termini di impatto del lockdown, presenta in media variazioni positive tra le più elevate (terzo e quarto posto nelle tavole); dunque, la mobilità in Francia ha recuperato più rapidamente.

L’Olanda assume posizioni molto diverse a seconda dei dati utilizzati: quelli di Apple la vedono appena sopra l’Italia, dunque con livelli ancora bassi rispetto al periodo pre-crisi, mentre i dati Google la posizionano in cima alla classifica. Tali andamenti sono visibili nella Figura 1.

I paesi con un impatto del lockdown meno forte, la cui mobilità è scesa ma si è comunque tenuta al di sopra del 50 per cento, hanno ora livelli di mobilità superiori al periodo pre-crisi (quadrante in alto destra); quelli in cui sono stati raggiunti livelli minori del 50 per cento durante il lockdown (quindi che hanno subìto un impatto più forte) si trovano nel quadrante in basso a 4 sinistra, in corrispondenza di livelli di mobilità attuale ancora inferiori a quelli pre-crisi.

La Francia fa eccezione come sopra descritto. Il Regno Unito è ancora sotto i livelli precedenti per quasi tutte le categorie di mobilità e occupa l’ultima posizione sia per Apple che per Google. Ciò è dovuto al fatto che le misure restrittive sono state allentate solo di recente, dunque non è ancora possibile apprezzare gli effetti della riapertura.

Leggi anche: Sorpresa, in Italia i redditi crescono molto più del Pil: come leggere i dati

27
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.