Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Costume

Julius Lothar Meyer, chi era il chimico celebrato dal Doogle di google oggi

Immagine di copertina

Julius Lothar Meyer, chi era il chimico celebrato dal Doogle di google oggi

Il Doodle di Google di oggi, 19 agosto 2020, è stato dedicato a Julius Lothar Meyer (Varel, 19 agosto 1830 – Tubinga, 11 aprile 1895), il chimico tedesco, contemporaneo di Dmitri Mendeleev, che stilò una tavola periodica degli elementi chimici simile a quella del chimico russo.

Chi era Julius Lothar Meyer

Lothar Meyer nacque a Varel, in Germania, da Friedrich August Meyer, un medico, e Anna Biermann. Dopo aver frequentato l’Altes Gymnasium di Oldenburg, studiò medicina all’Università di Zurigo nel 1851; qui fu allievo del fisiologo Carl Ludwig, dedicando la sua attenzione alla chimica fisiologica. Due anni dopo frequentò l’Università di Würzburg, dove studiò patologia come allievo di Rudolf Virchow. Nel 1854, dopo aver conseguito la laurea in medicina a Würzburg, si trasferì presso l’Università di Heidelberg, dove Robert Bunsen ricopriva la cattedra di chimica. Nel 1858 ricevette un dottorato di ricerca in chimica presso l’Università di Breslavia con una tesi sugli effetti del monossido di carbonio sul sangue nella quale aveva dimostrato che nella respirazione l’ossigeno si combina con l’emoglobina del sangue.

Influenzato dall’insegnamento della matematica di Gustav Kirchhoff, Julius Lothar Meyer intraprese gli studi di fisica matematica presso l’Università di Königsberg, allievo di Franz Ernst Neumann e, nel 1859, dopo aver ottenuto l’abilitazione all’insegnamento universitario, divenne professore associato in fisica e chimica presso l’Università di Breslavia. Nel 1866, Meyer accettò un posto presso l’Accademia forestale di Eberswalde; due anni più tardi fu nominato professore al Politecnico di Karlsruhe. Durante la Guerra franco-prussiana, il Politecnico fu utilizzato come ospedale e Meyer si adoperò nella cura dei feriti. Nel 1876 Meyer divenne professore di chimica presso l’Università di Tubinga, dove insegnò fino alla sua morte, avvenuta nel 1895.

Nel 1869 Mendeleev pubblicò la sua tavola periodica degli elementi allora conosciuti e a completamento della tavola predisse numerosi nuovi elementi, più alcuni pesi atomici corretti. Lavorando indipendentemente, pochi mesi dopo, Julius Lothar Meyer – a cui oggi Google dedica il doodle – pubblicò una versione riveduta ed ampliata della sua versione della tavola del 1864, praticamente identica a quella pubblicata da Mendeleev, e dimostrò la periodicità degli elementi in funzione del peso atomico.

Ti potrebbe interessare
Costume / “Mi vesto di bianco per salutare nonna”: l’influencer mostra l’outfit per il funerale, il web insorge | VIDEO
Costume / Questo modello del lavoro non ci rende felici. E 1,6 milioni di italiani hanno detto basta (di G. Gambino)
Costume / Il prete statunitense che racconta su TikTok di essere tornato dall’Inferno: “I demoni cantano Umbrella di Rihanna”
Ti potrebbe interessare
Costume / “Mi vesto di bianco per salutare nonna”: l’influencer mostra l’outfit per il funerale, il web insorge | VIDEO
Costume / Questo modello del lavoro non ci rende felici. E 1,6 milioni di italiani hanno detto basta (di G. Gambino)
Costume / Il prete statunitense che racconta su TikTok di essere tornato dall’Inferno: “I demoni cantano Umbrella di Rihanna”
Costume / Fedez scoppia a ridere sulla scomparsa di Emanuela Orlandi: indignazione sui social
Costume / “Il Titanic non è mai affondato”: la teoria del complotto diventa virale su TikTok
Costume / Sara Tommasi oggi vive a Sharm el-Sheikh con il marito: “Il video hard? Fui drogata e minacciata”
Costume / Il dipinto perduto “Diana ed Endimione” esiste ed è a casa di Madonna: l’appello della sindaca di Amiens
Costume / La licenza per le piattaforme di gioco in Italia
Costume / SDG User: una figura fondamentale all’interno delle aziende
Costume / “Sempre meglio la Twingo che una delle nostre”: l’ironia di Taffo sullo scontro tra Shakira e Piquè