Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

In Italia un minore su quattro è in sovrappeso o obeso, dati più alti al Sud

Immagine di copertina

I numeri dell'Istat dall'ultimo report sugli stili di vita

I numeri su bambini e ragazzi grassi nel nostro Paese

In Italia un minore su quattro è grasso. E il dato che è molto più alto della media europea dove a combattere con la bilancia è un bambino su otto. È quanto emerge dall’ultimo report dell’Istat sugli stili di vita nel nostro Paese, che preso in considerazione la fascia di età tra i 3 e i 17 anni. Dal rapporto si apprende che ci sono circa 2 milioni e 130 mila bambini e adolescenti sovrappeso e obesi e sono concentrati soprattutto al Sud.

Le cause del fenomeno sono da ricercare nello scarso movimento e nelle abitudini alimentari sbagliate. Il numero è comunque in leggero calo. Nel periodo 2017-2018 la quota di bambini e ragazzi sovrappeso e obesi è risultata pari al 25,2 per cento, mentre nel biennio 2010-2011 si attestava al 28,5 per cento.

A pesare sul fenomeno dei minori grassi sono anche i comportamenti poco salutari di chi dovrebbe dare l’esempio. Nel 37,6 per cento dei casi bambini e i ragazzi in sovrappeso o grassi vivono in famiglie in cui almeno uno dei genitori è in eccesso di peso.

Un ruolo lo gioca anche la “pigrizia” di piccoli e adolescenti. Sono 2 milioni i nimori quelli che non praticano sport né fanno alcuna attività fisica. Un dato, anche questo, in leggero miglioramento rispetto all’ultima rilevazione. Nel periodo 2010-2011 era il 25,7 per cento a non compiere nessuna attività fisica. Ora il dato è del 22,7 per cento.

Ci sono poi le responsabilità di un’alimentazione sbagliata, del cibo troppo ricco di zuccheri e grassi. Il 74,2 per cento di bambini e ragazzi in Italia mangia frutta o verdura ogni giorno, ma solo il 12,6 per cento arriva a quattro o più porzioni. Un quarto dei minori poi consuma quotidianamente dolci e bevande gassate, e il 13,4 per cento non riesce a fare a meno di snack salati.

Il sovrappeso e obesità, fa sapere ancora l’Istat, sono più diffusi tra i maschi, con un tasso del 27,8 per cento contro il 22,4 per cento, nella fascia di età compresa tra i 3 e i 10 anni, con il 30,4 per cento, e al Mezzogiorno, con il 32,7 per cento. Dati elevati sono stati registrati in Campania, con il 35,4 per cento, in Calabria, con il 33,8 per cento, e in Sicilia, con il 32,5 per cento. Nel Nord-Ovest del Paese la percentuale scende al 18,8 per cento.

L’Istat elencando i dati dei minori in sovrappeso o grassi indica anche una “connotazione sociale” del fenomeno. Tendono a essere maggiormente in sovrappeso o obesi i bambini e ragazzi che vivono in famiglie con risorse economiche scarse o insufficienti, ma soprattutto in quelle in cui il livello di istruzione dei genitori è più basso.

Unicef: in Italia gli obesi fra i 5 e i 19 anni sono il 36,8 per cento

Ti potrebbe interessare
Costume / Martina Vismara, modella e blogger che insegna l’amore per il corpo
Costume / Com’è nata la Nintendo Switch OLED?
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Ti potrebbe interessare
Costume / Martina Vismara, modella e blogger che insegna l’amore per il corpo
Costume / Com’è nata la Nintendo Switch OLED?
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Costume / Svolta arcobaleno nei fumetti: il nuovo Superman è bisessuale
Costume / Pensare troppo causa infelicità: e se ti dicessimo che stai sprecando il 66% della tua vita?
Costume / Come fare una fattura elettronica: guida alla compilazione
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Costume / A cos* serv* l* schwa: è davvero necessario un nuovo segno scritto per includere tutti?
Costume / Casinò online: le differenze normative negli Stati Europei