Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Domani entra in vigore la direttiva Ue contro la plastica: dai piatti alle cannucce, ecco i prodotti vietati

Immagine di copertina
Foto di flockine da Pixabay

Da domani, sabato 3 luglio, entrerà in vigore la Direttiva europea Sup (Single Use Plastic) che vieterà il materiale usa e getta in plastica monouso. La direttiva è stata adottata due anni fa con l’obiettivo di combattere l’inquinamento derivante dalla dispersione degli oggetti di plastica nell’ambiente, e in particolare nel mare.

Nell’elenco degli oggetti banditi rientrano cannucce, piatti e posate, bastoncini dei cotton fioc, palette da cocktail, bastoncini di palloncini, contenitori per alimenti e bevande in polistirolo. Questi materiali usa e getta sono quelli che più frequentemente vengono trovati sulle spiagge e nei mari. A partire da sabato potranno essere venduti solo per esaurire le scorte, poi saranno totalmente vietati.

La direttiva Sup, approvata nel 2019, è stata recepita quest’anno dall’Italia con una legge nazionale. Ma l’effetto, nel nostro Paese, non sarà immediato. La legge delega approvata dal Governo, introduce ad esempio un’esenzione riservata agli articoli monouso in plastica compostabile quando non è possibile l’uso di alternative per i prodotti destinati a entrare in contatto con alimenti. In altre parole sono permessi piatti, posate, cannucce, nonché contenitori per il cibo.

Risolto il contenzioso Italia-Ue sulla plastica compostabile monouso

È stato trovato invece un accordo sul contenzioso tra l’Italia e la Commissione europea, riguardante i divieti di uso di plastica compostabile e di  carta plastificata (due settori nei quali l’industria italiana è molto forte). La prima sparisce rapidamente nell’ambiente, la seconda, usata per gli imballaggi, ha un contenuto di polimero inferiore al 10 per cento ed è stata inclusa nel bando con le linee linee guida per l’applicazione della direttiva, approvate a fine maggio.

Alcuni giorni fa il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans, in un colloquio con il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha dato ragione all’Italia e si è impegnato a riesaminare le norme per modificarle.

Leggi anche: WWF, 2021 anno chiave per il Mediterraneo: salpa la campagna “Generazione Mare”

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ambiente / C’è un albero in Alaska che può salvare il mondo
Ambiente / La salute riproduttiva delle donne viaggia sulle gobbe di un cammello
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ambiente / Che asfalto mi metto? Come cambiare strada e guadagnarci (di L. Telese)
Ambiente / Stop all’allevamento di animali da pelliccia
Ambiente / Come ripulire gli oceani con YouTube
Ambiente / Alaska, il termometro arriva a 19,4°: è la temperatura più alta mai registrata a dicembre