Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Notte di stelle cadenti sull’Italia: ecco quando e come vederle

Immagine di copertina

Stelle cadenti dicembre 2018 come vederle | Oggi | Sciame meteorico Geminidi

STELLE CADENTI DICEMBRE 2018 COME VEDERLE – Durante la notte tra il 13 e il 14 dicembre 2018 nel cielo dell’Italia sarà possibile assistere a un affascinante fenomeno naturale: lo sciame meteorico delle Geminidi. Ovvero delle “stelle cadenti”.

Un appuntamento “fisso” che avviene sempre in questo periodo dell’anno (dicembre): i frammenti rocciosi dell’oggetto spaziale Fetonte (3200 Phaethon) entrano in contatto con l’atmosfera terrestre, bruciano e si illuminano. Insomma, danno vita allo spettacolo delle stelle cadenti.

Stelle cadenti dicembre 2018 come vederle | Oggi

Per osservare le stelle cadenti conviene allontanarsi dai grandi centri abitati, raggiungendo zone dove l’inquinamento luminoso è inferiore. Le luci delle città infatti complicano e non poco la visione del cielo notturno.

Dove guardare? Lo sguardo andrà rivolto a Nord-Ovest della Cintura di Orione.

Il picco delle Geminidi è previsto tra il 13 e il 14 dicembre intorno alle ore 2 di notte (fino alle 100 meteore l’ora), ma potrebbero essere visibili alcune “stelle cadenti” anche prima e nei giorni successivi fino al 19 dicembre.

Stelle cadenti dicembre 2018 come vederle | Sciame meteorico Geminidi | Cosa è

Ma cosa è lo sciame meteorico delle geminidi? Si tratta di “stelle cadenti” delle Gemenidi che appariranno come delle improvvise strisce luminose tendenti al giallo che vengono chiamate così perché sembrano originarsi nel punto in cui si trova la costellazione dei Gemelli.

A creare le Geminidi è l’oggetto spaziale Fetonte (3200 Phaethon), un asteroide la cui orbita intreccia periodicamente quelle dei pianeti Mercurio, Venere, Marte e della Terra.

Un asteroide particolare, forse una cometa estinta (cioè una cometa che ha perso buona parte del proprio ghiaccio lasciando esposta la sua parte rocciosa), scoperto nel 1983 grazie all’Infrared Astronimical Satellite della Nasa e in seguito identificato come la causa dello sciame meteorico delle Geminidi.

Ad ogni passaggio, Fetonte ha lasciato una scia di detriti nella quale la Terra entra periodicamente seguendo la propria orbita intorno al Sole.

Ma è corretto parlare di stelle cadenti? In realtà no, le stelle non c’entrano nulla. Loro restano a debita distanza dall’atmosfera terrestre.

Oltre alle Geminidi, ci sono altri sciami meteorici ricorrenti: il più famoso di tutti è quello delle Perseidi, che si verifica intorno al 10 di agosto, la notte di San Lorenzo.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ambiente / C’è un albero in Alaska che può salvare il mondo
Ambiente / La salute riproduttiva delle donne viaggia sulle gobbe di un cammello
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ambiente / Che asfalto mi metto? Come cambiare strada e guadagnarci (di L. Telese)
Ambiente / Stop all’allevamento di animali da pelliccia
Ambiente / Come ripulire gli oceani con YouTube
Ambiente / Alaska, il termometro arriva a 19,4°: è la temperatura più alta mai registrata a dicembre