Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Un sindaco italiano alla Cop26

Immagine di copertina

Paolo Micheli, sindaco di Segrate, sull'ottavo numero di The Post Internazionale (TPI), in edicola venerdì 5 novembre, racconta la sua partecipazione alla Cop26

Partecipare alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in rappresentanza della Città di Segrate è un onore. Martedì 9 novembre alle 18.30 presenteremo al mondo le nostre idee di sviluppo sostenibile di una piccola realtà alle porte di Milano, che ha l’ambizione e le carte in regola per diventare un modello di buone pratiche nella tutela del territorio e nelle azioni di transizione ecologica ed energetica.

Aver difeso la città da grandi speculazioni edilizie ha favorito la nascita del “Chilometro Verde” che porteremo all’attenzione della COP26. Si tratta della riprogettazione della Cassanese, una strada ad alto scorrimento che taglia in due Segrate da est a ovest. Ne ridurremo drasticamente l’asfalto per piantare alberi, creare prati e percorsi ciclopedonali. Sarà un corridoio verde verso Milano che favorirà le connessioni tra i quartieri e i parchi. Diventerà un luogo di aggregazione oltre che un polmone d’ossigeno: si stima che nella zona interessata l’emissione di Co2 si ridurrà del 70%.

Gli impatti della crisi ambientale influenzano la vita delle nostre comunità locali. Come sindaci le affrontiamo in prima linea, anche contando i danni dei disastri naturali. Oggi più che mai, passata la pandemia, dobbiamo assumere un ruolo guida nella lotta contro i cambiamenti climatici, raddoppiando impegno e sforzi. Non c’è più spazio per il dibattito, è tempo di attivarsi e di innovare. È il tempo del coraggio.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / La moda uccide l’Amazzonia
Ambiente / Gli albatros “divorziano” più spesso e la colpa è della crisi climatica
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ti potrebbe interessare
Ambiente / La moda uccide l’Amazzonia
Ambiente / Gli albatros “divorziano” più spesso e la colpa è della crisi climatica
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ambiente / Lunga vita alla farfalla monarca
Ambiente / Rinunciare all’auto è un gioco da ragazzi
Ambiente / Guidare un tir in Svezia risparmiando CO2: la sfida dei trasporti pesanti per un futuro verde
Ambiente / In Asia i bambini saranno più bassi a causa del clima?
Ambiente / Le donne investono nel green più degli uomini
Ambiente / Tredici proposte per reinventare la sostenibilità
Ambiente / Alla Cop26 ha vinto l’India. Adesso lo dice pure Cingolani