Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Foglie di banano al posto della plastica: ecco in quali paesi si salva l’ambiente con questa buona pratica

Immagine di copertina

I supermercati in Vietnam e Thailandia stanno guidando la lotta contro la plastica monouso, eliminando del tutto le buste di plastica e sostituendole con foglie di banano.

Come tutti sappiamo ormai, è di vitale importanza per il pianeta smettere di usare così tanta plastica difficile da riciclare. Prima di tutto, sta avvelenando i mari. Le balene stanno morendo con enormi quantità di plastica all’interno dei loro stomaci.

> Balena uccisa dall’inquinamento: nella sua pancia trovati 40 kg di plastica

Secondo: se la plastica avvelena i mari, probabilmente sta avvelenando anche noi.

Questo nuovo e incoraggiante sviluppo è iniziato con un post su Facebook che mostrava le foglie utilizzate nel supermercato Rimping a Chiangmai, in Thailandia.

Dopo aver visto quanta pubblicità ha ottenuto, i supermercati nella capitale vietnamita, Hanoi, così come Saigon e Ho Chi Minh City hanno tutti seguito l’esempio.

Secondo un portavoce di Lotte Market a Ho Chi Minh City, lo fanno solo come test, ma hanno in programma di estendere l’iniziativa a livello nazionale.

È tutto un passo nella giusta direzione, e ne abbiamo bisogno. Il Vietnam è attualmente al quarto posto nella lista mondiale delle nazioni inquinanti di plastica oceanica, secondo le classifiche VN Express.

Esistono anche altri piani: il supermercato Big C, per esempio, ha già iniziato a utilizzare sacchetti biodegradabili a base di mais.

Questa strategia sta decollando anche in altri paesi. La Corea del Sud ha recentemente vietato l’uso di sacchetti di plastica e imballaggi monouso. Ciò significa che i negozi devono fornire un’alternativa, che si tratti di un contenitore riciclabile, di un sacchetto non di plastica o altro.

Taiwan ha iniziato a pagare per ogni singolo uso della plastica e Singapore sta conducendo campagne per disincentivare al monouso della plastica.

Il più grande cambiamento di tutti, tuttavia, è la Cina, che dal 2008 ha vietato l’uso di sacchetti di plastica super sottili. Da allora, l’uso di sacchetti di plastica è calato del 66 per cento e ha tenuto fuori dall’oceano più di 40 miliardi di sacchi .

Insomma: la rivoluzione della plastica viene proprio da est, dove ci sono i paesi che più inquinano al mondo?

> Lo stop alla plastica del parlamento Europeo

Ti potrebbe interessare
Ambiente / La transizione ecologica? Dipende da quanto le aziende italiane sapranno digitalizzarsi
Ambiente / L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai
Ambiente / È inutile istituire la Giornata della Terra se in realtà ce ne freghiamo (di B. Di Giacomo)
Ti potrebbe interessare
Ambiente / La transizione ecologica? Dipende da quanto le aziende italiane sapranno digitalizzarsi
Ambiente / L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai
Ambiente / È inutile istituire la Giornata della Terra se in realtà ce ne freghiamo (di B. Di Giacomo)
Ambiente / Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo
Ambiente / Giappone, l'acqua radioattiva di Fukushima sarà sversata in mare
Ambiente / Greta Thunberg diserta la Conferenza sul Clima: "Va rinviata, il nazionalismo dei vaccini non risolve niente"
Ambiente / Global Power Plus e Arbolia: accordo per la piantumazione di 2.000 alberi nel Veneto
Ambiente / “Entro il 2100 il mare sommergerà parte delle coste della Sicilia sud-orientale”
Ambiente / Sorpresa: sulla raccolta differenziata l'Italia è sopra la media europea
Ambiente / Snam e Mubadala: accordo sullo sviluppo dell’idrogeno negli Emirati Arabi Uniti