Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Balena uccisa dall’inquinamento: nella sua pancia trovati 40 kg di plastica

Immagine di copertina

Una giovane balena è stata trovata morta nelle Filippine a causa di “disidratazione e fame”. Nel suo stomaco sono stati trovati dai biologi marini  ben 40 chilogrammi di sacchetti di plastica: la quantità più cospicua mai rinvenuta.

Il biologo marino e ambientalista Darrell Blatchley ha dichiarato che la balena “beccata” di Cuvier, così si chiamano per la forma della loro bocca, è stata trovata “emaciata e disidratata” e aveva “vomitato sangue prima della morte”.

Blatchley, che è presidente e fondatore del D’Bone Collector Museum, un museo di storia naturale nella città filippina di Davao, ha detto che la sua squadra ha ricevuto la notifica della carcassa morta e ritrovata a Mabini, nella valle di Compostela, solo venerdì sera.

Successivamente il team ha portato la carcassa nella sua struttura specializzata e ha eseguito una necroscopia, scoprendo che la balena era morta a causa dell’ingestione di plastica.

“Non ero preparato ad una quantità di plastica del genere”, ha detto Blatchley. “Dalla pancia del cetaceo sono stati tirati fuori circa 40 chili di sacchi di riso, buste della spesa, sacchi per piantagioni di banane e sacchi di plastica in generale: sedici sacchi di riso in totale”.

Peter Kemple Hardy, un attivista della World Animal Protection, ha descritto l’incidente come un tragico campanello d’allarme della necessità di “lavorare insieme verso soluzioni globali” per evitare che l’inquinamento plastico venga lasciato nei nostri oceani.

“Centinaia di migliaia di balene, delfini, foche e tartarughe vengono uccise ogni anno dall’inquinamento plastico oceanico, comprese le materie plastiche monouso e gli attrezzi in plastica abbandonati dell’industria della pesca”, ha detto l’animalista.

In un post Facebook, i ricercatori hanno scritto che si tratta della quantità di plastica “più grande mai vista in una balena”. Sono lontani i tempi in cui si potevano raccontare favole con burattini di legno dal naso lungo per le bugie all’interno della pancia di una balena. Adesso al posto di Pinocchio ci sono 40 chili di plastica.

 

> Riprende la terribile caccia alle balene in Giappone
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ambiente / Lunga vita alla farfalla monarca
Ambiente / Rinunciare all’auto è un gioco da ragazzi
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ambiente / Lunga vita alla farfalla monarca
Ambiente / Rinunciare all’auto è un gioco da ragazzi
Ambiente / Guidare un tir in Svezia risparmiando CO2: la sfida dei trasporti pesanti per un futuro verde
Ambiente / In Asia i bambini saranno più bassi a causa del clima?
Ambiente / Le donne investono nel green più degli uomini
Ambiente / Tredici proposte per reinventare la sostenibilità
Ambiente / Alla Cop26 ha vinto l’India. Adesso lo dice pure Cingolani
Ambiente / In Israele nasce il “Bitcoin della spazzatura”
Ambiente / I 7 punti della comunità scientifica Wwf per un’autentica transizione ecologica