Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Greta, la bambina-attivista, parla a Davos e zittisce di nuovo i potenti del mondo: “La nostra casa è in fiamme”

Immagine di copertina

Può una bambina attirare l’attenzione del mondo intero sul tema del cambiamento climatico? Sì, se si chiama Greta Thunberg sì. E dopo i suoi numerosi scioperi in Svezia per sensibilizzare sul surriscaldamento della terra, dopo il suo incredibile discorso a Katowice per la Cop24, la bambina-attivista stupisce ancora e lo fa a Davos, per il Forum mondiale dell’Economia.

“La nostra casa è in fiamme”, con queste parole Greta Thunberg ha puntato ancora una volta il dito contro i potenti del mondo, riuniti in questi giorni in Svizzera per il World Ecomic Forum.

Con un incendio in atto nelle vostre pareti che proteggono la famiglia stareste lì fermi a guardare? La piccola attivista di 16 anni, per nulla scoraggiata dal lungo viaggio in treno da sola e dalle notti in tenda a -15° si è imposta ancora all’attenzione mondiale dopo aver zittito i grandi della Terra in Polonia, durante la Conferenza sul clima delle Nazioni Unite.

La ragazza, appena scesa dal treno ha detto :”È un evento molto importante, dove si ritrovano le persone più potenti al mondo, e sto andando lì, la mia intenzione è quella di attirare l’attenzione sul clima”.

Le nuove generazioni si stanno svegliando e non hanno paura a parlare con i potenti di tutto il mondo.

Leggi anche: “Greta alla conferenza sul clima Cop24”
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Amazzonia, l’allarme del WWF: la deforestazione sta raggiungendo un punto di non ritorno
Ambiente / Qatarstrofe ambientale: Fifa e Doha hanno già vinto la Coppa dell’inquinamento
Ambiente / Il nuovo report del WWF: in 20 anni oltre 3mila tigri confiscate in 50 Paesi
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Amazzonia, l’allarme del WWF: la deforestazione sta raggiungendo un punto di non ritorno
Ambiente / Qatarstrofe ambientale: Fifa e Doha hanno già vinto la Coppa dell’inquinamento
Ambiente / Il nuovo report del WWF: in 20 anni oltre 3mila tigri confiscate in 50 Paesi
Ambiente / L’allarme del WWF: nel 2020 la massa di tutti i manufatti realizzati dall’uomo ha superato la biomassa naturale
Ambiente / Cop27, nasce un “fondo di riparazione” per i danni ambientali. Ma manca l’accordo sui combustibili fossili
Ambiente / Brutto clima a Capitol Hill: la carica dei negazionisti al Congresso Usa
Ambiente / Vienna, attivisti per il clima lanciano liquido nero su un quadro di Klimt
Ambiente / Il cambiamento climatico favorisce il ritorno del colera: nel 2022 boom di casi e letalità triplicata
Ambiente / Siamo diventati 8 miliardi: per la Terra è un numero insostenibile ma c’è chi pensa di guadagnarci
Ambiente / “I nostri governanti non si rendono conto di quanto è grave la situazione sul clima”