Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Una nuova specie marina è stata scoperta a largo delle Hawaii

Immagine di copertina

Una nuova specie marina è stata scoperta a largo delle Hawaii. Alcuni ricercatori, mentre sorvegliavano balene e delfini, hanno avvistato una creatura che non avevano mai visto prima: uno strano “ibrido” tra un delfino e una piccola balena.

Lo scorso anno la Us Navy ha ingaggiato un team di scienziati per studiare gli animali nativi della zona di Kauai, dove si trova il Pacific Missile Range Facility, una base militare in cui si svolgono test balistici. Ed è proprio lì che è stata fatta la particolare scoperta.

Dopo aver incontrato un grande branco di peponocefali, cetacei della famiglia Delphinidae largamente diffusi in tutte le acque tropicali del mondo (conosciuti anche come balene a testa di melone), i biologi marini hanno iniziato a monitorare le abitudini dei singoli esemplari, salvo poi scoprire la presenza di una creatura “anomala”.

Assomigliava a una balena, ma anche a un delfino. Incuriositi, hanno proseguito gli studi e sono riusciti a prelevare un suo campione di Dna, grazie a cui oggi si ha la certezza che si tratta di una nuova specie marina: un ibrido raro, appartenente sempre alla famiglia del delfino oceanico, ma con un corredo genetico che lo rende il “cugino” di un comune peponocefalo.

Ma non finisce qui: per proseguire gli studi e quindi saperne di più su questo insolito esemplare che si muove in coppia con una balena a testa di melone, i ricercatori lo hanno dotato di un localizzatore Gps.

Per ora sembra che i due siano rimasti insieme, viaggiando per circa 475 miglia in otto giorni, e immergendosi per centinaia di metri sotto la superficie.

Resta ora da capire, oltre alle abitudini dell’animale, anche se si tratta di una specie in grado di riprodursi e quindi diffondere il suo nuovo patrimonio genetico, o se rimarrà un unicum del suo genere. Nei prossimi anni la risposta. Forse.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Nuovo mag-book per ReWriters: Silvia Peppoloni, la massima esperta mondiale di Geoetica, raduna 13 contributors stellari per riscrivere le regole del Pianeta
Ambiente / La transizione ecologica? Dipende da quanto le aziende italiane sapranno digitalizzarsi
Ambiente / L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Nuovo mag-book per ReWriters: Silvia Peppoloni, la massima esperta mondiale di Geoetica, raduna 13 contributors stellari per riscrivere le regole del Pianeta
Ambiente / La transizione ecologica? Dipende da quanto le aziende italiane sapranno digitalizzarsi
Ambiente / L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai
Ambiente / È inutile istituire la Giornata della Terra se in realtà ce ne freghiamo (di B. Di Giacomo)
Ambiente / Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo
Ambiente / Giappone, l'acqua radioattiva di Fukushima sarà sversata in mare
Ambiente / Greta Thunberg diserta la Conferenza sul Clima: "Va rinviata, il nazionalismo dei vaccini non risolve niente"
Ambiente / Global Power Plus e Arbolia: accordo per la piantumazione di 2.000 alberi nel Veneto
Ambiente / “Entro il 2100 il mare sommergerà parte delle coste della Sicilia sud-orientale”
Ambiente / Sorpresa: sulla raccolta differenziata l'Italia è sopra la media europea