Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai

Immagine di copertina
Credit: enriquelopezgarre da Pixabay

Il riscaldamento globale e lo scioglimento dei ghiacciai hanno provocato dei cambiamenti per l’asse di rotazione della Terra, a dimostrazione del profondo impatto che gli esseri umani stanno avendo sul nostro pianeta. A rivelarlo è una nuova ricerca dell’Istituto di scienze geografiche e ricerca sulle risorse naturali presso l’Accademia cinese delle scienze di Pechino.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters e anticipato dal quotidiano britannico The Guardian, dimostra che il Polo Nord e il Polo Sud si sono mossi di almeno 4 metri dal 1980 a oggi come risultato delle conseguenze dell’attività umana sul clima.

I due poli, che sono i punto in cui l’asse di rotazione interseca la superficie terrestre, non sono fissi, ma cambiano in base al modo in cui la massa della Terra è distribuita attorno al pianeta. In passato, soltanto fattori naturali come le correnti degli oceani e movimenti geologici nelle profondità della Terra potevano contribuire a cambiare la posizione dei poli.

Secondo quanto evidenziato nella nuova ricerca, invece, dagli anni Novanta la dispersione di centinaia di miliardi di tonnellate di ghiaccio all’anno negli oceani a causa del surriscaldamento globale ha portato i poli a muoversi in nuove direzioni. Inoltre, la velocità media degli spostamenti è in aumento: tra il 1995 e il 2000 i poli si sono mossi 17 volte più velocemente che tra il 1981 e il 1995.

“Il declino accelerato [dell’acqua immagazzinata sulla terra] derivante dallo scioglimento dei ghiacci è il principale motore della rapida deriva polare dopo gli anni Novanta”, ha sottolineato il professor Shanshan Deng, che ha guidato il team di ricerca.

La ricerca mostra che le perdite dei ghiacciai hanno causato la maggior parte dello spostamento, ma è probabile che anche il pompaggio delle acque sotterranee per esigenze agricole o di fabbisogno idrico, abbia contribuito ai movimenti dell’asse di rotazione. Infatti, una volta estratta dal sottosuolo, la maggior parte dell’acqua finisce negli oceani, redistribuendo il suo peso sul Pianeta.

Per il professor Jonathan Overpeck, dell’Università dell’Arizona, negli Stati Uniti, le modifiche all’asse terrestre hanno evidenziato “quanto sia reale e profondo l’impatto che gli esseri umani stanno avendo sul pianeta”. Alcuni scienziati sostengono che la portata di questo impatto comporti la necessità di dichiarare l’esistenza di una nuova epoca geologica, l’Antropocene, caratterizzata da una marcata accelerazione delle emissioni di anidride carbonica e dell’innalzamento del livello del mare, oltre che dalla trasformazione del territorio mediante l’agricoltura e dalla deforestazione.

Leggi anche: 1. Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo /2. È inutile istituire la Giornata della Terra se in realtà dell’ambiente ce ne freghiamo (di B. Di Giacomo)

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gespi Augusta: quando la sostenibilità ambientale è una delle mission aziendali
Ambiente / Emergenza clima, scienziati controcorrente a TPI: “Non chiamateci negazionisti”
Ambiente / Ultima Generazione: chi sono e cosa chiedono gli eco-ribelli che vogliono salvare il Pianeta
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gespi Augusta: quando la sostenibilità ambientale è una delle mission aziendali
Ambiente / Emergenza clima, scienziati controcorrente a TPI: “Non chiamateci negazionisti”
Ambiente / Ultima Generazione: chi sono e cosa chiedono gli eco-ribelli che vogliono salvare il Pianeta
Ambiente / A qualcuno piace caldo: in Italia tira un brutto clima ma la politica non interviene come dovrebbe
Ambiente / Come ti “mostro” il riscaldamento globale: così Torino è diventata la capitale italiana del clima
Ambiente / Oceani mai così caldi: le temperature sono aumentate per il settimo anno consecutivo
Ambiente / Il buco dell'ozono si sta chiudendo: l'annuncio dell'Onu
Ambiente / L’allarme lanciato da Rainforest: “Le foreste d’Africa sono a rischio”
Ambiente / WWF, torna il Decalbero con i 10 consigli per un Natale green
Ambiente / Cop15 sulla biodiversità, l’allarme del WWF: l’ultima occasione per un accordo efficace a tutela della natura