Me

Metro Roma, la stazione Barberini resterà chiusa fino a ottobre

Immagine di copertina
metro Barberini chiusa

Metro Barberini chiusa – Non c’è pace per la metro A di Roma. Dopo il cedimento di una scala mobile alla stazione di piazza Barberini, avvenuta lo scorso 23 marzo, e la conseguente chiusura con tanto di sequestro della Procura, si parla di una riapertura a ottobre.

Tutto questo “salvo complicazioni”, tengono a precisare all’Atac. Dunque dopo il dissequestro, avvenuto pochi giorni fa, già si mettono le mani avanti: “I tempi saranno inevitabilmente lunghi, e riattivare Barberini a ottobre sarebbe già un buon risultato”, fanno sapere dall’azienda di trasporti del comune di Roma.

I tempi si preannunciano piuttosto lunghi in quanto andranno rifatti gli impianti delle scale mobili. Non solo, alcuni pezzi di ricambio non sarebbero neanche più disponibili e questo complicherebbe ancora di più le procedure.

Un iter simile a quello toccato alla fermata di piazza della Repubblica: dissequestrata a metà gennaio, a detta del presidente dell’Atac Paolo Simioni, sarà riaperta entro fine giugno.

I lavori, che nel mese di agosto saranno di pari passo con la manutenzione straordinaria dei binari della tratta storica della linea A dal capolinea di Anagnina a Ottaviano, dovranno comunque rispettare le eventuali prescrizioni individuate dai giudici in questi mesi di chiusura.

E poi passeranno al vaglio dei tecnici dell’Ustif, l’ufficio speciale trasporti a impianti fissi del ministero delle Infrastrutture, che dovranno esaminare tutti gli interventi fatti e le procedure di manutenzione seguite.

Dunque pare proprio che per la riapertura della fermata Barberini bisognerà aspettare ottobre nonostante le pressioni dei commercianti della zona sul piede di guerra per i danni subiti.

Addirittura vorrebbero chiedere al comune di Roma e Atac il risarcimento dei danni subiti: “Il 30 per cento degli incassi abituali”.

Roma, Metro A chiusa per lavori di manutenzione: ecco tutte le info

Metro Roma, ad agosto stop alla linea A: “I binari sono da sostituire”