Me

L’impressionante serpentone bianco di attivisti contro la miniera di carbone di Hambach | VIDEO

Immagine di copertina
Attivisti manifestano in Germania contro la miniera di carbone più grande d'Europa. Credit: Ende Gelände

In migliaia manifestano contro la miniera di Hambach, in Germania, il sito di estrazione di lignite più grande d’Europa e tra i principali al mondo. L’iniziativa è stata promossa da Ende Gelände, uno dei più importanti movimenti di protesta di disobbedienza civile tedeschi.

Attivisti da tutta Europa si sono ritrovati a Hambach per manifestare. Tra questi c’è anche una delegazione delle Climate Defense Units, proveniente dal Nord-Est dell’Italia e partita ieri, dopo aver partecipato al corteo promosso dall’Adl Cobas in occasione dello sciopero.

Ende Gelände danni porta avanti iniziative massificate di disobbedienza, che hanno lo scopo di “rivendicare globalmente la giustizia climatica e favorire la ‘fine della civiltà del carbone'”, si legge sul sito Globalproject.info.

La miniera di Hambach da diverso tempo è oggetto di proteste da parte di attivisti, ma anche abitanti della zona e rappresenta una vera e propria contraddizione all’interno del modello energetico tedesco. Da una parte, infatti, gli investimenti sul green capitalism, dall’altra lo sfruttamento di uno dei pochi polmoni verdi della Renania.

Nel pomeriggio di venerdì 26 ottobre, migliaia di persone sono arrivate all’Hambi Camp, per le azioni di training in vista delle iniziative di sabato. Sempre venerdì, la polizia nel tentativo di scoraggiare i manifestanti ha bloccato la stazione di Dueren, fermando 1.200 attivisti per ore.

Questa mattina un serpentone bianco impressionante formato dai 5mila attivisti è partito si è messo in marcia per dirigersi verso la miniera e svincolandosi tra campi e strade.

Al momento gli attivisti hanno forzato i blocchi di polizia, sono riusciti ad attraversare l’autostrada A4 e a introdursi nei campi che conducono alla miniera di Hambach.

Secondo fonti in loco, ci sarebbero diversi feriti.