Me
Costretta a dormire a testa in giù e legata: bimba di 19 mesi muore durante la notte
Condividi su:
bimba morta testa in giù

Costretta a dormire a testa in giù e legata: bimba di 19 mesi muore durante la notte

05 Ott. 2018
bimba morta testa in giù

Una bambina di appena 19 mesi costretta a dormire a testa in giù è morta durante la notte.

Secondo quanto riporta il Daily Mail, Ellie-May Minshull-Coyle – questo il nome della piccola – è stata messa dalla madre e dal suo patrigno in una vera e propria gabbia, con la testa rivolta verso il basso mentre le braccia e le gambe erano legate al materasso per impedire che potesse muoversi.

Il letto, come se non bastasse, era circondato da lenzuola e coperte, in modo che non potesse vedere nulla, e nella camera non filtrava alcuna luce.

La notte in cui è morta, la piccola era stata bloccata con delle corde al materasso che era stato inclinato al muro, poi era stata coperta e lasciata sola nella stanza.

Probabilmente, a causa della posizione, durante il sonno la bimba ha avuto una crisi respiratoria ed è morta.

La madre della bambina, Lauren Coyle, 19 anni, e il suo fidanzato Reece Hitchcott, 20 anni, che viveva insieme alla ragazza e sua figlia, sono stati accusati di omicidio.

Accuse respinte dalla coppia. In particolare dalla madre che alla polizia inglese ha raccontato che l’idea di legare la figlia al letto era stata del compagno che in questo modo credeva di poterla aiutare a regolarizzare il sonno. Ma, pur non essendo d’accordo, non si è mai opposta.

A notare che Elly-May non respirava più – secondo le prime ricostruzioni – sarebbe stato il compagno che ha anche chiamato l’ambulanza. Per la bambina, però, non c’è stato nulla da fare.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus