Me

Chi è Enrico Lucci

La carriera e la vita privata del conduttore di Reality Sciò e Nemo ed ex de Le Iene

Immagine di copertina

Enrico Lucci, chi è il conduttore tv di Nemo ed ex de Le Iene | Il suo nuovo programma Reality Sciò e la vita privata

ENRICO LUCCI – La definizione migliore l’ha messa recentemente nero su bianco Malcom Pagani, tra i migliori giornalisti su piazza e attuale vicedirettore di Vanity Fair: “Enrico Lucci, 54 anni, adolescenza da comunista militante nell’ex sezione Lenin di Ariccia, gavetta giovanile tra Genzano (Rete Azzurra) e Roma (Videouno), maturità da Iena nelle emittenti private e ironico presente da conduttore sulla tv di Stato (la nuova edizione di Nemo partirà a fine ottobre)”.

Enrico Lucci: il curriculum e la carriera in tv | Da Le Iene a Nemo

Enrico Lucci nasce a Velletri il 17 febbraio 1964.

Laureato in Lettere, è giornalista iscritto all’Ordine dal 1996. In quell’anno vince il premio Ilaria Alpi.

In carriera sia Rai sia Mediaset: Scirocco, Il Giro d’Italia, Feste, Vacanze, Lotta di classe. Il successo arriva con Le Iene, poi il passaggio a Nemo – Nessuno escluso su Rai 2 insieme a Valentina Petrini.

Nel 2003 scrive il suo primo romanzo, Tutto può ancora accadere (aspettando Tony Randine), edito da Mondadori.

Tra i suoi servizi più visti quelli alla Scala di Milano (qui i momenti migliori delle prime alla Scala).

Su Youtube svetta il suo racconto per Nemo del mondo delle baby miss.

Enrico Lucci e il nuovo programma Reality Sciò

Realiti Sciò è il suo nuovo programma, in onda da lunedì 10 settembre alle 21.05 su Rai2.

Ecco la presentazione:

“Nell’era delle dirette Facebook e delle Instagram Stories, al centro di uno spettacolo perennemente in diretta, tutti possono vivere le giornate come fossero celebrità, accrescendo ego e follower. In bilico tra realtà e finzione, anche la casalinga o l’impiegato vivono come in un reality show dove la luce rossa resta sempre accesa.

A ‘Realiti Sciò’, protagonisti Emilio Fede e Lele Mora, vedrete la cerimonia di chiusura definitiva dell’epoca berlusconiana e l’aprirsi, tra like, tweet e Mi piace, tutti sempre connessi, del grandioso e fulgido presente (del quale sono il più entusiasta dei followers!) dell’Italia, dell’Europa e del mondo dei muscoli contemporanei”, anticipa Lucci che racconterà, col suo stile narrativo leggero e capovolto,  l’alto e il basso della realtà italiana dando voce a personaggi comuni e fuori dal comune.

Filo conduttore delle sette puntate, il bisogno di mettersi in mostra perché, nel ‘Realiti sciò’, siamo tutti protagonisti”

Enrico Lucci e la critica alla sinistra

In una recente intervista proprio a Malcom Pagani su Vanity Fair ha detto: “Una persona che arriva dal Ghana non ha gli stessi diritti di un italiano che aspetta da 15 anni una casa popolare. Bisognava avere le palle di spiegarlo e di spiegarlo bene” – prendendosela con la sinistra, che gli è appartenuta fin dalla gioventù – “Salvini non è mica un genio, sono gli altri che non hanno capito un cazzo.

La sinistra ha scoperto che esisteva la tv quando Berlusconi aveva già un impero. Essendo in costante differita con la realtà tendono a scimmiottare. A imitare male. E quando imiti male, come faceva pateticamente Renzi nelle sue intemerate sui social, esce sempre la puzza di finzione”.

Enrico Lucci: la vita privata | La moglie e il figlio

Lucci ha una compagna, Diana. La coppia ha avuto un figlio nel 2017.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus