Me
La startup americana che permette di andare al cinema quando vuoi a sei euro al mese
Condividi su:

La startup americana che permette di andare al cinema quando vuoi a sei euro al mese

Si chiama MoviePass, e consente di entrare al cinema con accesso illimitato a una cifra irrisoria, ma in cambio vuole i tuoi dati

19 Feb. 2018

MoviePass è una tessera che costa poco più di sei euro e permette di andare al cinema ogniqualvolta se ne abbia voglia.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La start up è nata negli Stati Uniti, a San Francisco, nel 2011. Inizialmente il costo dell’abbonamento era di 50 dollari al mese, ma il prezzo era considerato ancora troppo alto nonostante assicurasse un’accesso illimitato alle sale.

Nel 2016 la maggioranza delle quote della startup è stata acquistata dalla società Helios and Matheson, che si occupa dell’analisi di dati dei consumatori.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Questo ha cambiato le sorti di MoviePass: il prezzo della sua tessera è sceso dai 50 dollari iniziali ai soli otto attuali, cosa che ha fatto aumentare anche il numero degli abbonati.

Negli Stati Uniti questa nuova formula di abbonamento ha registrato l’adesione di due milioni di persone e le sale cinematografiche americane hanno continuato a riscuotere il prezzo pieno del biglietto.

Il costo dell’ingresso al cinema a poco più di sei euro al mese infatti non può coprire le spese di produzione di un film.

La differenza del costo sul biglietto, infatti, la pagano direttamente i produttori, che sono disposti a scontare l’ingresso allo spettatore per raccogliere i loro dati.

La formula ricorda quella già utilizzata da Google, soltanto che questa volta è applicata al cinema e in America sta spopolando.

L’idea della società di analisi dati che ha rilevato MoviePass ha infatti come scopo quello raccogliere le informazioni dei cinefili, dal reddito all’età, dal sesso all’orario preferito di programmazione.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus