Me

Gli incredibili disegni del primo tatuatore del Regno Unito

L'artista attivo in epoca vittoriana aveva imparato la tecnica del tatuaggio durante il suo servizio nell'esercito e aveva tra i suoi clienti anche molti nobili

Immagine di copertina

Si chiamava Sutherland Macdonald ed è stato il primo tatuatore del Regno Unito, in attività già durante l’epoca vittoriana. L’arte del tatuaggio l’aveva appresa durante il suo servizio nell’esercito, che gli aveva permesso di portare in patria una consuetudine non ancora sperimentata dai suoi concittadini.

Era già un artista, ma nel 1889 Macdonald cominciò la sua attività di tatuatore nei bagni turchi di Londra, dove i clienti pagavano per farsi decorare la pelle. Per quattro anni l’uomo fu l’unico nel paese a praticare quest’arte. Nel 1894 aprì il suo studio personale ad Aldershot, Hampshire.

All’inizio usava solo strumenti manuali, ma poi brevettò un dispositivo elettrico. Tra i suoi clienti anche parecchi nomi famosi, dai figli della regina Vittoria e i sovrani di Norvegia e Danimarca. Nel frattempo i tatuaggi diventavano sempre più diffusi, soprattutto dopo che il re Eduardo VII e suo figlio si erano fatti tatuare a Gerusalemme e in Giappone.

“Uomo gentile, intelligente e di buon eloquio, Sutherland Macdonald diventava amico dei suoi clienti che lo trattavano come loro pari”, scrive nel libro Memoir of a Tatooist George Buchett.

Nel suo campo, Macdonald fu un pioniere anche per l’introduzione dei colori verde e blu. Le immagini dei suoi lavori che sono state diffuse hanno dimostrato che molte persone all’epoca avevano grossi tatuaggi sulla schiena e sul petto.