Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La vignetta da 12 anni di carcere

La vignettista iraniana Atena Farghadani è stata condannata a 12 anni di carcere per una vignetta che il governo iraniano non ha trovato molto divertente

Immagine di copertina

Le Guardie Rivoluzionarie iraniane avevano perquisito la sua casa, confiscato i suoi effetti personali e l’avevano portata via bendata. Era il 23 agosto del 2014. Atena Farghadani, di 28 anni, era stata accusata di aver fatto “propaganda contro il sistema”, “offeso i membri del parlamento attraverso i suoi dipinti” e “insultato la guida suprema dell’Iran”.

Ora è stata condannata a 12 anni di carcere. Dodici anni per aver disegnato un fumetto irriverente che ritrae i membri del parlamento e la guida suprema dell’Iran come scimmie e mucche. Per questo, il quotidiano britannico The Guardian ha lanciato l’hashtag #draw4Atena, invitando i fumettisti di tutto il mondo a mostrare solidarietà con la giovane artista iraniana

— Guarda la gallery: Le vignette in solidarietà dell’artista iraniana Atena Farghadani 

Molti di loro si sono mobilitati prontamente, armandosi di matite e colori per realizzare vignette a sostegno di AtenaL’artista iraniana sostiene di aver subito maltrattamenti all’interno della prigione, di essere stata picchiata e sottoposta a perquisizioni corporali degradanti per aver tentato di continuare a dipingere. Amnesty International l’ha dichiarata una prigioniera di coscienza e ne ha chiesto il rilascio immediato.

Qui sotto il fumetto di Atena Farghadani ritenuto offensivo dal governo iraniano