Me

Una grande sorpresa per un non udente

Per una campagna della Samsung, un intero quartiere di Istanbul ha imparato la lingua dei segni per comunicare con un non udente

Immagine di copertina

Il 28 dicembre 2014, Muharrem, un giovane ragazzo non udente, e sua sorella Ozlem escono di casa per fare una passeggiata nel quartiere di Bağcılar a Istanbul.

Per tutta la sua vita, Muharrem ha camminato per queste strade senza sentire rumori, senza interagire con le persone.

Muharrem è tra i 70 milioni di non udenti nel mondo che usano la lingua dei segni come la loro prima lingua.

Poi, le persone intorno a lui non gli hanno fatto una grande sorpresa.

Il video


Aiutare un ragazzo, scontrarsi con una passante, comprare il pane o prendere un taxi, diventano un’esperienza memorabile per il ragazzo nel momento in cui si accorge che riesce a comunicare con tutti e che tutto il suo quartiere sembra capire e parlare la lingua dei segni.

Sempre più confuso dopo ogni incontro, Muharrem chiede alla sorella Ozlem cosa stia succedendo. Quello che non immagina neanche, è che sta partecipando a una campagna pubblicitaria che presto diventerà virale.

Samsung Turchia e l’agenzia pubblicitaria Leo Burnett Istanbul hanno passato un mese a pianificare lo spot, a installare telecamere nascoste a Bağcılar e a insegnare la lingua dei segni agli attori che hanno partecipato al video Hearing hands.

Hearing hands serve a promuovere il loro nuovo servizio di video call center per i clienti non udenti, come spiega una rappresentante della Samsung su uno schermo allestito nella piazza dove Muharrem termina la sua passeggiata commosso. “Perché un mondo senza ostacoli è anche il nostro sogno,” lo rassicura la ragazza attraverso la lingua dei segni.