Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Più buio di mezzanotte

Un film asciutto, forte e raffinato

Più buio di mezzanotte è il film di esordio del giovane regista italiano Sebastiano Riso, ha debuttato a Cannes alla Semaine de la critique 2014 ed è stato candidato alla Camera d’or.

Il film ripercorre la vita di Davide Cordova, in arte Fuxia, che per anni si è esibita come drag queen alle serate lgbt romane e che vive al Pigneto, il quartiere dove ha conosciuto il regista. È ambientato a Catania, tra una splendida Villa Bellini e Via delle Finanze, uno dei primi quartieri a luci rosse d’Europa. Una madre dolce e debole, un padre eccessivamente severo e la ricerca della propria identità sessuale portano il delicato ragazzino dai capelli rossi a fuggire di casa. Davide viene accolto all’interno di un gruppo di ragazzi omosessuali e trans gender che vivono ai margini, tra piccoli furti e prostituzione. Stringe forti amicizie, si innamora, patisce la fame, diventa consapevole di ciò che vuole e non vuole essere.

La sceneggiatura è di grande efficacia e si alterna fra un registro malinconico e uno divertente e spigliato. “No iddu non futti, iddu è santa”. Non incorre mai nell’autocompiacimento, è drammatico ma accompagnato da una leggerezza fresca e sensuale. La musica è un elemento fondamentale perché non si limita ad essere la colonna sonora del film, ma caratterizza i personaggi e presenta una forte componente simbolica. Così Donatella Rettore, in Amore Stella, canta di buio e di malinconia, e di “chissà che Dio diventerei”, quando  c’è chi muore perché non gli è stata riconosciuta la propria libertà di esprimersi. Grandiosa è la canzone cantata da Louvre, la drag queen che nel film è interpretata proprio da Davide Cordova.

Tutto, dai costumi alle acconciature, è curato nel dettaglio e rappresenta una fetta di mondo colorata e varia. Alcune scene, come la moto che si impenna mentre le prostitute camminano, hanno uno stile fortemente Felliniano. Di grande livello anche la recitazione: Davide Capone, che la troupe chiama Davidino, è stato selezionato, dopo migliaia di provini, in un liceo di Palermo e al casting ha cantato I put a spell on you di Nina Simone emozionando sin dal primo momento; splendida l’interpretazione di Micaela Ramazzotti che, nel ruolo della madre ipovedente – in senso fisico e metaforico -, rende alcune scene del film tra le più commoventi.

Più buio di mezzanotte è un continuo leggere tra le righe, tra citazioni, contrasti e valenze allegoriche. Così, mentre i ragazzi battono all’angolo della strada e aspettano di essere caricati in una macchina, sul muro campeggia una scritta rossa “l’amore ti fotte”. Sulla porta della camera da letto dove Davidino viene iniziato alla prostituzione e abusato dal protettore (Pippo Delbono), c’è scritto “futti futti ca Dio aiuta a tutti”. E sempre il protettore canterà, con voce roca, la canzone di Jeanne Moreau in Querelle di Fassbinder.

Finita la proiezione al Cinema Aquila, uno spettatore chiede se è davvero più buio di mezzanotte in Sicilia. Il regista risponde: “Non credo che questo sia un paese pronto ad accogliere gli omosessuali, ma lo stesso vale per lo zingaro o per l’immigrato. Le cose in Sicilia vanno ancora peggio. È chiaro che ci sono anche contesti felici, persone che, come me, vengono da famiglie dove sarebbero ben accolti pure qualora dovessero nascere giraffe. Ma non è di questo che volevamo raccontare.”

Più buio di mezzanotte è un film asciutto, forte e raffinato. È stato accolto nel migliore dei modi dalla critica e all’estero, e speriamo che non sia ostacolato in Italia.