Me
I numeri del Governo Renzi
Condividi su:

I numeri del Governo Renzi

Numeri, cifre e statistiche sul neonato Governo guidato da Matteo Renzi

22 Feb. 2014

Il Governo Renzi che ha giurato questa mattina è il 128esimo Governo della Storia d’Italia dal 1861 ad oggi. Matteo Renzi è la 55esima persona a ricoprire l’incarico di Presidente del Consiglio.

Matteo Renzi, al momento del giuramento, è divenuto il più giovane Presidente del Consiglio della Storia d’Italia, con 39 anni, 1 mese ed 11 giorni, battendo il precedente record di Benito Mussolini, che era divenuto Primo Ministro nel 1922 all’età di 39 anni, 3 mesi e 2 giorni. Per quanto riguardava l’Italia Repubblicana, il record precedente era di Giovanni Goria, divenuto Premier nel 1987 all’età di 43 anni, 11 mesi e 28 giorni.

Il Governo Renzi è il secondo, dopo quello di Enrico Letta, ad essere formato durante la XVII Legislatura. E’ inoltre il quinto Governo, dopo il Prodi II, il Berlusconi IV, il Governo Monti ed il Governo Letta a ricevere l’incarico da Giorgio Napolitano.

Il Governo è formato da 16 ministri, fatto che lo fa risultare il Governo più “snello” dai tempi del terzo Governo De Gasperi, in carica dal Febbraio al Maggio del 1947, che era composto da 15 Ministri. Dei 16 Ministri del Governo Renzi, otto sono uomini ed otto donne, fatto che rende questo Governo il più “rosa” della storia d’Italia. Tra queste vi è anche Roberta Pinotti, prima donna nella storia a ricoprire il ruolo di Ministro della Difesa, considerato generalmente un ruolo “maschile”.

Con un’età media di 47 anni, il Governo Renzi risulta anche essere il più “giovane” Governo della Storia d’Italia.

Tra i 16 Ministri ed il Presidente del Consiglio, le Regioni più rappresentate sono il Lazio (Padoan, Mogherini, Lorenzin e Madia) e l’Emilia-Romagna (Franceschini, Guido, Poletti e Galletti), con quattro Ministri, cui segue la Toscana con tre (lo stsso Renzi, Boschi e Giannini), la Liguria (Pinotti ed Orlando) e la Lombardia (Lupi e Martina) a due, la Calabria (Lanzetta) e la Sicilia (Alfano) ad uno.

Il Ministro più giovane del Governo è la 33enne Maria Elena Boschi, mentre il più vecchio è il 63enne Pier Carlo Padoan.

Matteo Renzi è il quarto Fiorentino a ricoprire il ruolo di Presidente del Consiglio, aggiungendosi a Bettino Ricasoli, Giovanni Spadolini e Lamberto Dini. E’ inoltre l’ottavo Toscano a ricoprire tale incarico, che oltre ai già citati Fiorentini è stato già ricoperto da Sidney Sonnino (nato a Pisa), Amintore Fanfani (nato a Pieve Santo Stefano, in Provincia di Arezzo), Carlo Azeglio Ciampi (nato a Livorno) ed Enrico Letta (nato a Pisa).

Renzi è il terzo Presidente del Consiglio a non essere un Parlamentare: si aggiunge quindi a Carlo Azeglio Ciampi (1993-1994) e Giuliano Amato (2000-2001).

E’ inoltre il quarto Presidente del Consiglio ad avere ricoperto la carica di Sindaco: l’ex Sindaco di Firenze si aggiunge infatti a Camillo Cavour (già Sindaco di Grinzane dal 1842 al 1848), Bettino Ricasoli (anche lui Sindaco di Firenze nel 1848) Antonio Starrabba di Rudinì (che fu Sindaco di Palermo dal 1863 al 1866) ed Emilio Colombo (che fu Sindaco di Potenza dal 1952 al 1954).

Renzi diviene Presidente del Consiglio senza essere stato indicato per tale incarico durante delle elezioni, fatto che non avviene dal 2008 con Silvio Berlusconi. Va tuttavia detto, che il Premier che ha ricevuto l’incarico è stato indicato per tale ruolo durante una campagna elettorale solamente in cinque occasioni nella storia della Repubblica (Berlusconi 1994, Prodi 1996, Berlusconi 2001, Prodi 2006, Berlusconi 2008).

Renzi diviene inoltre Presidente del Consiglio da leader del suo Partito, il Partito Democratico, fatto che non avveniva dal 2008 (quando Berlusconi divenne Premier da Presidente di Forza Italia ancora non sciolta seppur in lista nel PdL). Insieme a Renzi, divengono Ministri tre membri della sua Segreteria del Partito Democratico: Federica Mogherini, Maria Elena Boschi e Marianna Madia.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus