Me

Multe per i cani in spiaggia

Ma non doveva cambiare tutto?

Immagine di copertina

Tremilacentoventitre i padroni di cani multati in questa Estate 2013. Un’Estate che doveva segnare la svolta per l’accettazione definitiva degli animali nei luoghi di vacanza.

L’AIDAA, l’Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente denuncia questo dato e sottolinea che gli spot “In vacanza con gli animali” hanno creato danni facendo pensare alle persone che potevano liberamente portare i loro amici a 4 zampe in spiaggia.

È ovvio che per gli animali valgano le regole più basilari, ovvero essere educati, puliti e accuditi e controllati dai padroni.

Le multe vanno dai 30 ai 1.400 euro, con una media di 200 euro a multa, l’Associazione in una nota denuncia che oltre 2.000 di queste sono state effettuate in spiagge dove non sono presenti cartelli di divieto o che hanno cartelli irregolari.

Le regole prevedono che in caso di divieto questo sia esposto e che voi abbiate diritto a prenderne visione. In assenza di divieti chiaramente indicati il cane e il suo padrone non possono essere allontanati se mantengono una corretta condotta e il padrone è dotato degli strumenti come paletta e sacchetti.

In caso di multa avere cura della specifica “motivazione” questo consente la tracciabilità utile alla successiva potenziale impugnazione dell’atto.

Io ho trovato anche in alcuni posti una maggiore disponibilità e attenzione nei confronti degli animali domestici, che ormai si sa diventano come “di famiglia”. Per questo voglio segnalarvi questo piccolo bar ad Alghero che offriva “ristoro” ai cani.

Campagna regione lazio