Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Onna ricostruita dai tedeschi

La riconciliazione storica tra Italia e Germania passa da Onna

L’11 giugno del 1944 è una data che a molti non dice nulla. Eppure è il giorno della strage di Onna operata dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Morirono diciassette persone e furono fatte esplodere numerose case. Un eccidio forse di minore entità rispetto ad altri commessi dai nazisti. Ma quando il 6 aprile del 2009 il terremoto colpisce L’Aquila e Onna, il ricordo del governo tedesco va esattamente a quell’11 giugno 1944. Numerosi Paesi stranieri decidono di intervenire per aiutare a ricostruire L’Aquila e le città limitrofe, i tedeschi danno subito la loro disponibilità per contribuire alla rinascita di Onna. È lì che vogliono ricostruire la Chiesa di San Pietro Apostolo e una Casa della Cultura perché in gioco non c’è solo la solidarietà tra Nazioni vicine nei momenti difficili, ma soprattutto perché è l’occasione per un ulteriore e decisivo passo nella riconciliazione storica tra Italia e Germania. L’importanza di questi gesti si era già avuta, recentemente, in occasione della ricorrenza della strage di Sant’Anna di Stazzema alla quale hanno partecipato Giorgio Napolitano e Joachim Gauck, i Presidenti della Repubblica di Italia e Germania.

Sabato scorso, proprio a Onna, si sono incontrati, in occasione dell’apertura del cantiere, il Ministro dei Beni Culturali Massimo Bray, il tedesco Peter Ramsauer, Ministro dei trasporti, e l’ambasciatore tedesco a Roma Reinhard Schäfers.

In una fase storica in cui la Germania è la Nazione più odiata in Europa a causa dell’eccessiva rigidità nella crisi dell’Euro e della tanto criticata politica di austerità, l’iniziativa tedesca a Onna è una delle più belle risposte a tante facili e superficiali accuse. Ma è anche un segnale a tutti i Paesi europei affinché nei momenti di crisi si faccia prevalere sempre la solidarietà.