Me

Maduro punta su Maradona

A pochi giorni dalle elezioni in Venezuela il delfino di Chávez gioca la carta del Pibe de Oro

In Venezuela è tempo di elezioni. Domenica si deciderà a chi, fra Maduro e Capriles, spetterà il compito di guidare il Paese sudamericano nel dopo Chávez. Maduro è senza dubbio il favorito, ma alcuni sondaggi danno il rivale in ripresa. Ecco perché, al fine di mantenere compatto il proprio elettorato e rinsaldare il legame con il popolo, il delfino di Chávez ha  pensato di tirare fuori dal cilindro una mossa a sorpresa. Giovedì infatti ha annunciato l’arrivo dell’amatissimo Diego Armando Maradona, peraltro amico del Presidente uscente (guarda il video).

Con addosso il berretto del Venezuela e una camicia rossa su cui erano ben visibili le scritte “Maduro Presidente”, “Chavez comandante” e, curiosamente, anche “Cristina K 2015”, salutando e lanciando palloni a una folla già di per sé galvanizzata, il campione argentino ha letteramente mandato in deliro i presenti (guarda il video).

In una campagna elettorale che ha parlato molto alla pancia degli elettori, Maduro sembra aver azzeccato la mossa, riuscendo, grazie al contributo e alla disponibilità di uno dei calciatori più forti e amati di sempre, a spegnere i riflettori mediatici dal suo antagonista politico.