Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Kenya vs Nigeria. A suon di hashtag

La nazionale di calcio kenyota protesta per l'accoglienza ricevuta. E su twitter i supporters si scatenano

Immagine di copertina

Sul campo non ci dovrebbe essere storia.

Domani pomeriggio, a Calabar, Nigeria e Kenya si affronteranno in una gara valida per le qualificazioni ai mondiali di calcio del 2014 in Brasile.

I freschi vincitori della coppa d’Africa sfideranno una nazione che, in tredici scontri diretti, hanno sconfitto undici volte. Due i pareggi.

Nel ranking FIFA, la Nigeria occupa la trentesima posizione, il Kenya soltanto la centoventiseiesima.

Gli Eagles vantano una tradizione calcistica di tutto rispetto: tre volte campioni d’Africa, due volte agli ottavi di finale ai mondiali di calcio ( ricordate Roberto Baggio? ). Il Kenya, invece, non ha mai partecipato a una competizione mondiale.

Ma se il risultato sembra scontato, il clima pre partita è più acceso di quello di una finale di Champions League. E surriscalda le diplomazie calcistiche africane. E l’animo dei tifosi.

La nazionale kenyota ha protestato per la pessima accoglienza ricevuta. Gli Harambee Stars sono arrivati a Lagos mercoledi.

Nessun rappresentante della federazione nigeriana ad attenderli all’aeroporto. Il volo che avrebbe dovuto a trasferirli a Calabar, luogo del match, era già decollato e hanno cosi dovuto aspettare il giorno successivo. Il cellulare di Mr Alataka, funzionario della Nigeria Football Federation, irragiungibile.

Cosi il team è stato trasferito al Silver Grandeur Hotel, (pare) di proprietà del vice presidente della federazione nigeriana, e dagli standard inferiori a quelli previsti dai regolamenti della Caf (Confederation of African Football) e della Fifa (Fédératione Internationale de Football association), che prevedono almeno 4 stelle.

Inoltre l’entourage kenyota ha lamentato l’assenza di una scorta di sicurezza ufficiale al seguito del team.

Ma, dopo un pranzo definito dai calciatori “too chilly”, il peggio è arrivato quando la squadra si è trasferita al campo d’allenamento, il polveroso campo della Ajao Estate Primary School. Come una nostra scuola elementare. In effetti, a guardare le foto, sembra un contesto da oratorio.

L’istantanea in cui si vedono due pietre usate come pali della porta è emblematica.

Ovviamente, non si è fatta attendere la replica della federazione nigeriana, che ha accusato la Kenya Football Federation di mancanza di collaborazione nella preparazione della gara.

E centinaia di persone si sono scatenate su twitter, innescando una vera e propria battaglia a suon di hastag. Alcuni infuocati, altri ironici e divertenti. Non solo sul calcio, ma più in generale sulla società, sulla politica, sulle differenze culturali.

La frase di riferimento? “Qualcuno dica ai nigeriani che…” e la replica “qualcuno dica ai kenyoti che..”.

Si va dal “Gli USA hanno Hollywood, l’India Bollywood, noi (NIgeria ndr) Nollywood, e voi…firewood!”, al “Noi abbiamo due Presidenti”, in riferimento alle ultime, controverse elezioni kenyote. O ancora c’è chi dice “Voi usate la stregoneria per conoscere il vostro futuro, noi twittiamo”. E, in risposta alla Nollywood di cui i nigeriani vanno fieri, un kenyota replica piccato: “soltanto nei loro film si vede una donna mettere veleno nel cibo del marito, e poi assaggiarlo per vedere se ce n’è abbastanza”.

I link di twitter:

https://twitter.com/search?q=%23someonetellnigeria&src=rela

https://twitter.com/search?q=someonetellkenya&src=rela

Ah, dimenticavo. Ieri pomeriggio, guardando le news, vedo scorrere in sottoimpressione la seguente scritta: “la nazionale kenyota dovrà attendere un altro giorno, a Lagos, il volo per Babacar”!

L’intervento del FIFA Security Officer assegnato all’incontro Beckles Patrick ha poi garantito il trasferimento della squadra con un charter, scongiurando il pericolo di un’altro allenamento a Lagos. Nel campetto della scuola.