Me
Diamoci un taglio
Condividi su:

Diamoci un taglio

Quando i capelli diventano l'arma vincente di una donna

19 Mar. 2013

Corto o lungo? E’ il problema di ogni donna.

Le domande che bombardano la testa delle femmine guardandosi allo specchio sono milioni, una per capello, perché ciascuna di noi è alla ricerca di quel “non-so-che” di memorabile in grado di renderla unica. Ed eccoci quindi ad interrogarci per ore prima di imbracciare le forbici: “ma se tagliassi un po’ i capelli?”, “se li facessi crescere?”, “perché non provare con un biondo cenere?”, “e con la frangia? Eh!?”…Tutti pensieri che riportano ad un’unica ossessione: i capelli, protagonisti indiscussi da sempre dell’estetica femminile che, fra taglio e nuance, dal biondo miele al rosso ramato fino ad arrivare al nero corvino, sono in grado di rendere una donna regina o strega.

In società, dove l’apparire conta più dell’essere e la testa è più evidente dell’intelligenza, l’attenzione al taglio di moda con il colore che va, è quasi una mania. Ne sanno qualcosa gli hair stylist, al secolo parrucchieri, sempre intenti a studiare il look dell’anno per le clienti che arrivano in negozio armate della foto della star.

Il 2013 sarà l’anno della frangia dopo che due delle donne più influenti al mondo in fatto di moda “c’hanno dato un taglio”.

Kate Middleton, duchessa di Cambridge, futura mamma a luglio e sottoposta continuamente alla lente dello “style checking”, è apparsa per la prima volta a fine novembre con una morbida frangia anni ’70 che le ha regalato immediatamente i complimenti di tabloid, alcuni, ammiratori, parecchi, e sudditi, la maggior parte.

Due mesi dopo Michelle Obama, first lady degli Stati Uniti, icona di stile e arma vincente del Presidente, ha sfoggiato il nuovo taglio alla vigilia del suo 49esimo compleanno. L’occasione in cui ha mostrato per la prima volta la sua immagine rinfrescata è stata il lancio del nuovo profilo Twitter, in meno di 24 ore la foto ha fatto il giro del mondo e Michelle, ove ne avesse ancora avuto bisogno, si è vista confermare la sua fama di trendsetter. Si dice che la frangia sia sinonimo di donna forte, di tempra e di carattere. E’ così che le due signore sono in buona compagnia con Anna Wintour, la glaciale regina della moda, che ha fatto del suo caschetto simmetrico con frangia un elmo da combattimento, oltreché un marchio di fabbrica.

E poi come non ricordare che look e il fidanzato giusti possono anche fare la fortuna di una donna? Per esempio quella di due attrici con lo stesso ex, Brad Pitt (che sia lui a portar fortuna?), e una carriera costellata di premi Oscar, ascolti stellari e incassi record, come Gwyneth Paltrow e Jennifer Aniston. Correva l’anno 1998 e l’algida e raffinata Gwyneth, allora timida e semisconosciuta ex donna dell’uomo più sexy del mondo, conobbe le luci della ribalta grazie al ruolo da protagonista in “Sliding doors”. Il film percorre le vite parallele di Helen che si svolgeranno a seconda che salga sul treno della metropolitana o che lo perda. La prima è la Helen con i capelli lunghi, castani, trascurati (perdente), e l’altra quella con taglio da maschiaccio biondo grintoso che ha riscosso un successo a trecentosessanta gradi, consacrando Gwyneth la star che è diventata.

Jennifer Aniston, invece, è stata scelta nel 1994 per interpretare Rachel Green nel telefilm “Friends” dopo le richieste della produzione di perdere peso e un nuovo taglio di capelli. Chi l’avrebbe mai detto che quella Jennifer Aniston che entrò signora nessuno nel salone di Chris McMillan a Beverly Hills uscì destinata a diventare una delle teste più copiate degli anni ’90? Il suo taglio, capelli corti e molto scalati, ribattezzato “il taglio alla Rachel” fu copiato da 11 milioni di donne nel mondo e regalò a Jennifer fama planetaria con strascico di fan, che hanno solo potuto compatirla quando nel 2005 fece una brusca invasione nel suo matrimonio con Brad Pitt, Angelina Jolie, altra chioma, altro giro. Una si è consolata col taglio, l’altra si è presa Brad al laccio di una corda di capelli lunghi.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus