Me
No English in esami università Cina
Condividi su:

No English in esami università Cina

Troppo lavoro studiare la lingua straniera, meglio concentrarsi su altre materie

18 Mar. 2013

La maggior parte delle universita’ cinesi ha deciso di eliminare l’inglese tra le materie obbligatorie per sostenere gli esami di accesso. Secono Yu Han, funzionario addetto alle iscrizioni presso la Tsinghua University, l’inglese e’ stato eliminato al fine di ridurre il carico di lavoro degli studenti e permettere loro di concentrarsi sulle materie per le quali dimostrano di avere piu’ talento e nelle quali eccellono.

Quest’anno le 27 universita’ cinesi si sono riunite in tre blocchi, uno guidato dalla Tsinghua, che riunisce sette universita’, uno dalla Peking University, che ne comprende 11 e uno dalla BIT (Beijing Institute of Technology) che ne riunisce nove.

I cinesi continueranno dunque a restare tra i peggiori al mondo nella conoscenza dell’inglese. Pochi mesi fa, uno studio di ‘Education First’, una organizzazione privata leader mondiale nell’insegnamento delle lingue, ha rivelato proprio come il popolo cinese sia tra i peggiori al mondo in termini di conoscenza e capacita’ di esprimersi in inglese. La ricerca effettuata tra il 2009 e il 2011 su 1,7 milioni di persone in 54 paesi del mondo nei quali l’inglese non è la prima lingua, ha mostrato come ai primi posti ci siano paesi europei. I migliori in assoluto sono risultati essere gli svedesi, seguiti dai danesi e dagli olandesi. La Cina si è classificata solo trentaseiesima.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus